Arci Cesena, la solidarietà si sposta in minibus con il progetto Libero

Nell’autunno del 1997, quando in seno alla dirigenza dell’ARCI di Cesena, si concretizzò l’idea di avviare un progetto di solidarietà in favore dei disabili della nostra città, acquistando un primo  pulmino attrezzato con sollevatore per carrozzine, nessuno immaginava che potesse avere uno svilippo simile.

DSCN0842
Infatti ancora oggi il “Progetto Libero”, a diciassette anni di distanza, continua ad essere una risposta concreta per chi, a causa dell’handicap o ell’età avanzata, deve risolvere il problema della mobilità per raggiungere i luoghi di studio, di cura o di svago.
Pertanto oltre a puntare sulla efficienza e serietà dell’organizzazione, in modo da non creare ulteriori problemi a chi ne ha già tanti di suo, ARCI ha introdotto una “novità” propria del suo Dna. Mettere l’organizzazione a disposizione di disabili e anziani, anche per permettere loro di partecipare a momenti di svago o, per chi è ricoverato in casa di riposo, di trascorrere in famiglia avvenimenti importanti come matrimoni, cresime, battesimi, nonché il Natale e la Pasqua.
Tutto questo è reso possibile essenzialmente grazie alla volontà e disponibilità di volontari e collaboratori che in questi anni si sono alternati alla guida dei mezzi, nonché nella organizzazione dell’attività nel suo complesso, in seno ad Arci Solidarietà Cesenate.
Nel tempo i mezzi a disposizione del “Progetto Libero” sono arrivati sino a 14. Oggi in servizio ce ne sono 11, di cui 6 attrezzati con sollevatore per carrozzine. Il motivo della riduzione deriva dal fatto che la persistente crisi economica ha ridotto notevolmente la disponibilità finanziaria di chi, solitamente, metteva a disposizione gli autoveicoli.

Punto2ott.2013
Il “Progetto Libero”, oltre che ai volontari, deve la sua esistenza ai diversi soggetti privati (aziende, cooperative, istituti di credito, enti) che hanno creduto nella bontà del nostro impegno,
“regalandoci” gran parte degli automezzi che quotidianamente vengono impiegati nei vari servizi  di accompagnamento, mentre altri automezzi sono stati acquistati con i proventi delle attività che Circoli ed Associazioni hanno organizzato allo scopo.
Questo proficuo connubio ci ha permesso di organizzare una forma di aiuto concreta, alleviando le famiglie, con l’obiettivo di mettere in collegamento i servizi socio-sanitari organizzati per anziani e disabili, con la relativa utenza. Pertanto gli impegni che quotidianamente assumiamo ci “costringono” a mantenere alto il livello di affidabilità e organizzazione, in modo da non deludere chi versa in condizione di bisogno. Allo stesso tempo tutto ciò ci rende orgogliosi di poter mettere a disposizione questo servizio che va a migliorare, nel suo piccolo, la qualità della vita e dei servizi socio-sanitari del comprensorio cesenate.
Per sostenere questa nostra attività, dal 2006, possiamo contare anche sulla sensibilità di diversi contribuenti cesenati che con lo strumento del 5 per 1000 hanno deciso di “darci una mano” a mantenere in essere il “Progetto Libero”.
In occasione degli adempimenti fiscali (mod. 730 o mod. Unico), con un semplice gesto che non costa nulla, è possibile sostenere l’attività di accompagnamento in favore di anzini e disabili dell’ARCI di Cesena, firmando nell’apposita casella riservata alle associazioni di promozione sociale e scrivendo il codice fiscale: 90013530408.
Inoltre, in qualsiasi momento, è possibile verificare di persona se quanto donato viene veramente impiegato in favore del “Progetto Libero”. Lo strumento del 5 per 1000 rappresenta una indispensabile risorsa per ammodernare il parco mezzi e per continuare nell’opera di solidarietà al 100% che si vede passare tutti i giorni dell’anno, per le strade delle nostre città.

 

Partecipare, un Vantaggio per i Soci

ARCI è l’associazione dei Circoli: sono un centinaio le realtà associative che aderiscono al Comitato di Cesena. Circoli della Pace: la non violenza è da sempre un ideale a cui gli uomini e le donne dell’associazione, a tutti i livelli, si identificano. Circoli della Cultura: ogni base associativa organizza attività culturali per i propri soci: musica, cinema, teatro, danza…. Circoli dei Diritti: l’assoluta certezza che tutti i cittadini devono avere pari diritti e pari opportunità nel nostro Paese, è ideale fondante per l’ARCI. Circoli della Solidarietà: il “Progetto Libero”, attività di trasporti in favore di disabili e anziani è la mano solidale dell’Associazione nel Comprensorio cesenate. Pertanto aderire all’ARCI di Cesena non è solo fare una tessera. Ma è anche entrare a far parte di una Associazione inserita a pieno titolo nella società civile.

(articolo tratto dal n.5/2014 del mensile La Romagna Cooperativa)

Questo post è stato letto 125 volte

Commenti Facebook
Avatar photo

Romagnapost.it

Le notizie più interessanti, curiose e divertenti prese da Internet e pubblicate su Romagnapost.it. A cura dello staff di Tribucoop.