La baby nonna

Hope Polanco, Miss Nonna Glamour 2019

L’Italia è la sua seconda patria. Arrivata 20 anni fa si è integrata bene, ha avuto quattro figli, una però purtroppo è deceduta. Hope Polanco, di Como, Miss Nonna Glamour 2019, ha sempre guardato con interesse allo show business ed anche ora che è una giovanissima nonna a tempo pieno si guarda attorno pur senza esasperazione. 

Hope Polanco

Di dove è originaria?

“Repubblica Dominicana”.

Quando è venuta in Italia?

“Nel Duemila”.

Ha avuto problemi?

“Assolutamente no. Integrarmi è stato facile. Nei miei confronti non ci sono mai stati episodi di razzismo”.

Cosa consiglia a chi arriva da un altro paese?

“Io credo sia importante rispettare la ‘casa’ di chi ti ospita”.

Perché ha scelto di partecipare a Miss Nonna?

“È stata mia figlia a convincermi”.

In che modo?

“Mi ha detto: sei giovane e bella, devi iscriverti. Poi mi ha aiutato a compilare il modulo per l’iscrizione. Alla fine però non ha potuto festeggiare il mio successo perché è morta prima”.

Quando le hanno annunciato la vittoria ha pensato a lei?

“Certo. È stato il primo pensiero”.

Aveva sfilato ancora?

“Lo avevo fatto per Bramas, azienda di abbigliamento. Ho sfilato a Milano, Lugano e Locarno”.

Hope Polanco con Paolo Teti

Quale era il suo sogno?

“Di essere attrice e modella. Poi però mi sono dedicata alla famiglia scelta che non rimpiango”.

Il concorso l’ha aiutata?

“Certo, anche perché era un momento difficile. E sarò sempre grata a Paolo Teti”.

Come è andata la sera della finale?

“Non benissimo. Ho faticato perché ero stanca. Venivo da una specie di tour de force. Ero stata a New York per girare un video. Poi ero stata nel mio paese d’origine. La stanchezza poi mi ha resa nervosa. Inoltre le altre concorrenti non mi hanno aiutata”.

In che senso?

“Il rapporto non è stato facilissimo. Ero carina e, rispetto a loro, molto più giovane (ora ha 42 anni ndr). Quindi devono aver ritenuto che fossi la favorita perciò hanno cercato di isolarmi. Una sorta di gelosia”.

Ha detto che le sarebbe piaciuto fare l’attrice. Ha avuto qualche esperienza?

“Sì, ho recitato in due video musicali. Uno girato a New York e l’altro nel mio paese d’origine”.

Continuerà a sfilare?

“Certo, se capiterà l’occasione. Adesso però non è un momento facile”.

Per sua figlia?

“Anche è soprattutto. Ma ora è morto anche suo marito e mi devo occupare della bambina. Poi sono appena partita con un’attività”.

Di cosa si tratta?

“Un ristorante, a Chioggia. ‘Mamma mia’. È avviato da meno di un mese”.

Come è stata la partenza?

“Discreta, per fortuna”.

Che cucina fate?

“Italianissima. Le ricette del mio paese originario quando ne ho voglia me le preparo a casa. Comunque adoro il cibo italiano”.

Pare di capire che è molto attiva.

“Direi proprio di sì. Non sono capace di stare ferma. Devo sempre essere impegnata”.

Le foto sono di Gloria Teti

Questo post è stato letto 70 volte

Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *