Dall’aeroporto di Forlì segnali non tranquillizzanti

Traffico aereo , serve un coordinamento romagnolo

Dall’aeroporto di Forlì non arrivano buone notizie. Ancora è presto per fasciarsi la testa, ma il ridimensionamento del personale non è mai un segnale positivo. Ed essendo quello che è successo Forlì Airport non può che suonare come un campanello d’allarme, specialmente in un momento in cui il traffico aereo presenta segnali di forte ripresa. 

Nonostante la difficile situazione internazionale l’Airports Council International Europe prevede che Il traffico passeggeri nel 2023 raggiungerà il 95,5% dei volumi pre-pandemia e che la ripresa completa del traffico passeggeri avverrà nel 2024, un anno prima rispetto alla precedente ipotesi. Secondo ACI Europe la domanda di viaggi di piacere e di visite ad amici e familiari sta guidando l’evoluzione delle reti di rotte aeree, con grande vantaggio per gli aeroporti che servono destinazioni locali, a scapito dei grandi hub.

Ma, in tale scenario, e data l’attuale frammentazione, la Romagna rischia di uscire indebolita nei confronti della concorrenza proveniente dai territori vicini. E’ quindi legittima la posizione di Legacoop Romagna che ritiene che per intercettare questi cambiamenti e proporsi in maniera efficace sarebbe necessario consolidare le risorse e l’offerta dei soggetti esistenti.

Del resto, non più tardi della scorsa primavera il sindaco di Rimini, Jamil Sadegholvaad, propose ai due aeroporti della Romagna di incontrarsi per avviare un percorso di confronto. L’idea venne fatta propria anche anche dal sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini, mentre altre associazioni come Confindustria Romagna hanno avuto modo a più riprese di affermare l’esigenza di un nuovo quadro di collaborazione, in cui consolidare le risorse esistenti.

E’ per questo che Legacoop Romagna torna a chiedere di procedere in quella direzione, con urgenza. Le istituzioni della Romagna devono tornare a porsi l’obiettivo di un coordinamento in cui prendere decisioni condivise che supportino il sistema economico nel suo complesso. Un sistema aeroportuale unificato, che integri le piste di Forlì e Rimini sotto una visione strategica e imprenditoriale, potrebbe rappresentare un salto di qualità deciso.

Questo perché serve una Romagna forte all’interno di una Regione ancora più forte, con la nascita di un coordinamento istituzionale in cui discutere i temi che riguardino il futuro di tutte le nostre comunità, per valorizzare al meglio le potenzialità esistenti. E, conclude la nota di Legacoop, un coordinamento in questo campo potrebbe potenziare i settori di punta della Romagna, dal turismo all’agroalimentare, passando per il wellness, eliminando una concorrenza che, fino ad oggi, ha portato solo a complicazioni e spese inutili.

Questo post è stato letto 287 volte

Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli.