L’epopea di Pantani al Teatro Fabbri di Forlì

Arriva al Teatro Diego Fabbri di Forlì (venerdì 9 maggio alle 21) la tournéé dello spettacolo PANTANI del Teatro delle Albe, dopo i due importanti riconoscimenti assegnati alla fine del 2013: il Premio Duse (come migliore attrice italiana) a Ermanna Montanari e il Premio Ubu (come miglior novità drammaturgica italiana) a Marco Martinelli. Altre due le nomination per lo spettacolo sulla vita del ciclista di Cesenatico: “miglior regia”, sempre a Martinelli, e “miglior attore non protagonista” a Luigi Dadina per l’interpretazione di Paolo Pantani.

Pantani l’idolo, il pirata dei record imbattibile in salita, Pantani il dopato, il mostro distrutto e infangato dalla stampa. Il successo e l’infamia. Una parabola ripida e inaspettata come una caduta in curva quando si è primi, davanti a tutti. Un dramma personale e familiare, una vicenda torbida risolta con facili lapidazioni da bar. Quella di Pantani non è solo una questione sportiva, ma un’autentica passione moderna. Il sacrificio di un simbolo sull’altare mediatico per ripulire le nere coscienze di un intero paese. Una storia che parla degli ultimi trent’anni della nostra nazione.

Il testo di Marco Martinelli è da poco uscito in libreria, pubblicato da Luca Sossella Editore, che con questo titolo ha inaugurato una nuova collana dedicata alla scrittura teatrale a cura di Jacopo Gassman.

 

PANTANI
di Marco Martinelli
ideazione Marco Martinelli e Ermanna Montanari
con Alessandro Argnani, Francesco Catacchio, Luigi Dadina, Fagio,
Roberto Magnani, Michela Marangoni, Ermanna Montanari,
Francesco Mormino, Laura Redaelli fisarmonica e composizione
musiche Simone Zanchini ideazione spazio scenico Alessandro Panzavolta-Orthographe coproduzione Teatro delle Albe / Ravenna Teatro, le manège.mons
Scène Transfrontalière de création et de diffusion asbl
pantani

 

Questo post è stato letto 103 volte

Avatar photo

Romagnapost.it

Le notizie più interessanti, curiose e divertenti prese da Internet e pubblicate su Romagnapost.it. A cura dello staff di Tribucoop. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *