Il 2 aprile 1840, dopo 3 giorni di agonia, moriva Michele Placucci, padre fondatore degli studi etnografici romagnoli

 

Nel 1840, l’attuale via Moroni, traversa di corso Garibaldi, fu teatro di un efferato delitto, in parte irrisolto. Il 30 marzo, mentre rincasava, Michele Placucci fu aggredito in quest’angusta viuzza. Il misterioso assalitore gli sferrò una violenta coltellata che gli perforò un polmone. La ferita causò al Placucci un’agonia terribile che, il 2 aprile, lo condusse alla morte. Subito dopo l’agguato, il poveretto non perse conoscenza e riuscì a sussurrare di aver riconosciuto l’aggressore, senza però rivelarne il nome. Secondo la famiglia l’assassino sarebbe stato un figlio illegittimo del Placucci che aveva voluto punire il padre, non intenzionato a mantenerlo o contro il quale rivendicava interessi affettivi o economici.

Michele Placucci era una figura di primo piano nella vita forlivese di quei tempi. Nel 1797, ad appena 15 anni, era stato impiegato presso l’amministrazione napoleonica. Come funzionario comunale pontificio aveva poi scalato vari gradi di carriera fino a ricoprire la carica di capo segretario. Fu inoltre diligente raccoglitore di documenti di storia forlivese, conservati oggi nella Biblioteca Civica. Forlì.Autore di varie opere di storia locale, tra cui Memorie storiche sul passaggio per la città di Forlì di SS. Papa Pio VII, divenne famoso soprattutto per Usi e pregiudizi dè contadini della Romagna (1818), la pubblicazione grazie alla quale è oggi ritenuto il padre fondatore degli studi etnografici romagnoli. Placucci suddivise il suo studio, in dieci capitoli: Delle nascite, De’ matrimonj, De’ mortorj, Delle operazioni di agricoltura praticate da’ contadini in ciascun mese dell’anno, Degli usi, e pregiudizj relativi a certe epoche principali dell’anno, Degli usi, e pregiudizj sugl’influssi celesti e intemperie, De’ pregiudizj relativi a certi medicamenti, Dei pregiudizj sull’economia domestica, Dei malefizj, Delli diversi usi in generale.

«Per la Madonna del Fuoco di Forlì li contadini fanno de’ fuochi dal piano al colle, e cantano: Ligrezza, ligrezza ligrezza; Madunena banadetta, Madunena da Forlè, fê alligrezza ancor a me» (Allegria; ma pura e schietta: Vergin Santa benedetta, di Forlì gran Protettrice, fa allegrezza a me infelice).

Questa consuetudine, in auge ai primi anni dell’Ottocento, è riportata nel volume “Usi, e pregiudizi de’ contadini della Romagna” di Michele Placucci, edito a Forlì da Barbiani, nel 1818. L’usanza pone in evidenza che, mentre i fuochi in campagna non vengono più accesi, molto viva, e tale va mantenuta, è rimasta ancora oggi a Forlì e dintorni la tradizione dell’accensione dei lumini rossi sul davanzale delle finestre nella notte fra il 3 e il 4 febbraio.

Vale la pena ricordare chi fu Michele Placucci, nato a Forlì il 24 agosto 1782. Nel 1797, anno della conquista del nord e di gran parte del centro Italia da parte dell’esercito francese comandato da Napoleone Bonaparte, a soli 15 anni, Placucci iniziò a lavorare, prima come impiegato pubblico nell’Amministrazione Centrale dell’Emilia, poi (terminata la dominazione francese) come funzionario comunale pontificio, scalando vari gradi di carriera fino a raggiungere il posto di segretario generale.

Secondo quanto scrisse Antonio Mambelli (Forlì 1890 – 1976), come dipendente pubblico «lasciò tracce di solerte operosità nell’applicazione del codice napoleonico, e, come studioso, in numerose raccolte di documenti di storia patria conservate nella Biblioteca Comunale “Aurelio Saffi” di Forlì. Seppur componente della Guardia Nazionale durante il Regno Italico con il grado di capitano, fu politicamente fedele al precedente Governo pontificio dandone prova nel volume “Memorie storiche sul passaggio per la Città di Forlì di Sua Santità Pio VII felicemente regnante e sul ripristino del di lui governo” (Faenza, Conti, 1822)».

Nel 1811 il ministro dell’Istruzione Pubblica del Regno Italiano promosse un’inchiesta sulle usanze nelle nostre campagne. Placucci vi prese parte e compì ricerche molto approfondite, al termine delle quali diede alle stampe il volume già citato che, nel 1885, conobbe una seconda edizione. In tempi più recenti l’opera di Placucci è stata pubblicata, in edizione limitata, dal senatore Andrea Manzella e in seguito in un’altra edizione, curata da Giuseppe Bellosi, voluta dall’Associazione culturale “Istituto Friedrich Schürr” di Santo Stefano di Ravenna.

Come ebbe modo di commentare Carlo Piancastelli, uno dei più acuti interpreti della cultura e della società romagnola, Michele Placucci fece da apripista, essendo stato il primo a cimentarsi nel campo delle ricerche etnologiche: «(…) dopo di lui – scriveva Piancastelli – nessuno si è accinto alla stessa impresa, mettendo a profitto il materiale che si è venuto accumulando e disponendo di un complesso organico, secondo i dettami della nuova scienza del folclore (…) Il libro è stato concepito con tanta schietta sincerità, con intuito così logico, da suscitare la calda ammirazione degli studiosi ben più riflessivi e scaltriti venuti dopo; eppure rimase per sessant’anni pressoché ignorato».

Quando il libro di Placucci fu “scoperto”, suggestioni, miti e credenze in esso contenuti, diventarono materia per la critica e per l’arte, per la poesia e per il romanzo.

“Usi, e pregiudizi de’ contadini della Romagna” testimonia anche un delicato passaggio storico: la trasformazione che dilagò, lentamente, la vita dei campi e che condusse al progressivo smantellamento della società mezzadrile. L’uomo che scandiva i tempi degli “usi e pregiudizi” era, infatti, il mezzadro che condivideva con i proprietari terrieri la gestione e i profitti delle terre. Una formula produttiva che sin dal Medioevo provocò sviluppo ma anche tensioni, miseria e, al tempo stesso, progresso. Vero è che la mezzadria sopravvisse fin oltre la metà del Novecento, ma le prime crepe di questo impianto secolare si manifestarono proprio negli anni in cui scriveva Placucci. In “Usi, e pregiudizi de’ contadini della Romagna” emerge che dall’aia alla dimora rurale, dalle stalle ai campi arati, la società iniziava ad avvertire il logorio del tempo e che le tracce del mutamento iniziavano a manifestarsi e a fare breccia.

Non si può che concordare, quindi, con quanto scritto a questo proposito dallo storico Roberto Balzani: «È stato Michele Placucci a raccontarci che cosa queste popolazioni avessero davvero in comune. Non l’idea astratta di un confine. Ma la familiarità con un universo di simboli e di valori che rassicuravano e che interpretavano, senza bisogno di una mappa, il senso del noi».

Si parla di anni in cui la “romagnolità” era spesso inconsapevole, tutta ancora da codificare. «Placucci non ha alcun intento regionalista – continua Roberto Balzani –. Per lui che è un solerte impiegato pubblico, si tratta di presentare, adeguatamente ordinati, i dati raccolti all’interno del Dipartimento del Rubicone. Il Dipartimento comprende gran parte di quella che si è soliti chiamare Romagna, ebbene è evidente che la sua ricerca non può prescindere da questa denominazione storica, l’unica che consente la fusione dei dati locali. Una scelta funzionale? In parte sì. Placucci non si pone un problema terminologico o di definizione dettagliata dei confini».

Placucci, insomma, sintetizza elementi diffusi, comuni, sparsi tra aree simili, così vicine da un punto di vista territoriale e allora così lontane per via degli scarsi rapporti che intercorrevano tra esse.

Per far fronte alle spese di pubblicazione del volume, nel 1818 fu avviata una sottoscrizione, che anticipò di oltre un secolo e mezzo le moderne raccolte fondi, cui concorsero ben 218 “Signori Associati”. Dalla lettura dell’elenco dei nomi dei sottoscrittori che compare nel libro ci si può fare un’idea precisa di chi fossero allora le persone e le famiglie più in vista della città, come pure comprendere l’interesse che destò quella pubblicazione in cui veniva raccontata la vita contadina del tempo: dalla nascita al matrimonio, dalla cura delle malattie alla vita familiare, passando per il lavoro dei campi, e di come un forte senso religioso segnasse i tempi delle semine e dei raccolti. Non essendo ancora diffusi i calendari come sono intesi oggi, negli almanacchi si riportano gli abbinamenti tra i giorni dell’anno e i santi e a questi ultimi era collegato un rapporto diretto con la vita quotidiana. Lo stesso avveniva per le attività agricole, per le malattie, per le relazioni sociali, per ogni passo dell’esistenza. Placucci descrisse così tutte le pratiche che doveva seguire una donna in attesa di un figlio, come avveniva il battesimo, ma anche i corteggiamenti, le nozze, i divertimenti.

«È un libro denso e vero – scriveva nel 2004 il senatore Andrea Manzella, in occasione della ristampa anastatica dell’opera di Placucci – perché indica, con dovizia di particolari, quanto avveniva durante le festività, durante i giorni dediti al sacro e a quelli del lavoro, nonché “della lotta per avere raccolti sufficienti ad una vita decorosa. Come combattere le avversità meteorologiche, come rendere fecondi i terreni e sane e abbondanti le piantagioni”. Nel riportare le usanze di quel periodo Placucci non tralasciò la vita domestica, le case rurali, i luoghi dei riti, il rapporto con la sofferenza fisica e le forme di diffidenza verso embrionali forme di medicina moderna che pur si stavano affermando. Insomma, il libro offre un’immagine a mosaico, dove tanti piccoli tasselli colorano una società viva e sfuggente, animata e ricca, che pone al centro l’uomo e il suo dialogo con lo spazio e il tempo».

Placucci fu figura di primo piano nella vita forlivese dei suoi tempi, come in tanti hanno avuto occasione di rimarcare. La sua morte, avvenuta il 2 aprile 1840, resta ancora oggi uno dei misteri irrisolti della città di Forlì.

Questo post è stato letto 50 volte

Commenti Facebook
Avatar photo

Marco Viroli

Marco Viroli è nato a Forlì il 19 settembre 1961. Scrittore, poeta, giornalista pubblicista, copywriter, organizzatore di eventi, laureato in Economia e Commercio, nel suo curriculum vanta una pluriennale esperienza di direzione artistica e organizzazione di mostre d’arte, reading, concerti, spettacoli, incontri con l’autore, ecc., per conto di imprese ed enti pubblici. Dal 2006 al 2008 ha curato le rassegne “Autori sotto la torre” e “Autori sotto le stelle” e, a cavallo tra il 2009 e il 2010, si è occupato di pubbliche relazioni per la Fondazione “Dino Zoli” di arte contemporanea. Tra il 2010 e il 2014 ha collaborato con “Cervia la spiaggia ama il libro” (la più antica manifestazione di presentazioni librarie in Italia) e con “Forlì nel Cuore”, promotrice degli eventi che si svolgono nel centro della città romagnola. Dal 2004 è scrittore e editor per la casa editrice «Il Ponte Vecchio» di Cesena. Autore di numerose prefazioni, dal 2010 cura la rubrica settimanale “mentelocale” sul free press settimanale «Diogene», di cui, dal 2013, è anche direttore responsabile. Nel 2013 e nel 2014, ha seguito come ufficio stampa le campagne elettorali di Gabriele Zelli e Davide Drei, divenuti poi rispettivamente sindaci di Dovadola (FC) e Forlì. Nel 2019 ha supportato come ufficio stampa la campagna elettorale di Paola Casara, candidata della lista civica “Forlì cambia” al Consiglio comunale di Forlì, centrando anche in questo caso l’obiettivo. Dal 2014 al 2019 è stato addetto stampa di alcune squadre di volley femminile romagnole (Forlì e Ravenna) che hanno militato nei campionati di A1, A2 e B. Come copywriter freelance ha collaborato con alcune importanti aziende locali e nazionali. Dal 2013 al 2016 è stato consulente di PubliOne, agenzia di comunicazione integrata, e ha collaborato con altre agenzie di comunicazione del territorio. Dal 2016 al 2017 è stato consulente di MCA Events di Milano e dal 2017 al 2020 ha collaborato con la catena Librerie.Coop come consulente Ufficio Stampa ed Eventi. Dal 2016 al 2020 è stato fondatore e vicepresidente dell’associazione culturale Direzione21 che organizza la manifestazione “Dante. Tòta la Cumégia”, volta a valorizzare Forlì come città dantesca e che culmina ogni anno con la lettura pubblica integrale della Divina Commedia. Da settembre 2019 a dicembre 2020 è stato fondatore e presidente dell’associazione culturale “Amici dei Musei San Domenico e dei monumenti e musei civici di Forlì”. Da dicembre 2020 è direttore artistico della Fabbrica delle Candele, centro polifunzionale della creatività del Settore delle Politiche Giovanili del Comune di Forlì. PRINCIPALI PUBBLICAZIONI Nel 2003 ha pubblicato la prima raccolta di versi, Se incontrassi oggi l’amore. Per «Il Ponte Vecchio» ha dato alle stampe Il mio amore è un’isola (2004), Nessun motivo per essere felice (foto di N. Conti, 2007) e "Canzoni d'amore e di funambolismo (2021). Suoi versi sono apparsi su numerose antologie, tra cui quelle dedicate ai Poeti romagnoli di oggi e… («Il Ponte Vecchio», 2005, 2007, 2009, 2011, 2013), Sguardi dall’India (Almanacco, 2005) e Senza Fiato e Senza Fiato 2 (Fara, 2008 e 2010). I suoi libri di maggior successo sono i saggi storici pubblicati con «Il Ponte Vecchio»: Caterina Sforza. Leonessa di Romagna (2008), Signore di Romagna. Le altre leonesse (2010), I Bentivoglio. Signori di Bologna (2011), La Rocca di Ravaldino in Forlì (2012). Nel 2012 è iniziato il sodalizio con Gabriele Zelli con il quale ha pubblicato: Forlì. Guida alla città (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2012), Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2013), Terra del Sole. Guida alla città fortezza medicea (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2014), I giorni che sconvolsero Forlì («Il Ponte Vecchio», 2014), Personaggi di Forlì II. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2015), Fatti e Misfatti a Forlì e in Romagna («Il Ponte Vecchio», 2016), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna volume 2 («Il Ponte Vecchio», 2017); L’Oratorio di San Sebastiano. Gioiello del Rinascimento forlivese (Tip. Valbonesi, 2017), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna, vol. 3 («Il Ponte Vecchio», 2018). Nel 2014, insieme a Sergio Spada e Mario Proli, ha pubblicato per «Il Ponte Vecchio» il volume Storia di Forlì. Dalla Preistoria all’anno Duemila. Nel 2017, con Castellari C., Novara P., Orioli M., Turchini A., ha dato alle stampe La Romagna dei castelli e delle rocche («Il Ponte Vecchio»). Nel 2018 ha pubblicato, con Marco Vallicelli e Gabriele Zelli., Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.1 (Ass. Cult. Antica Pieve), cui ha fatto seguito, con gli stessi coautori, Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol. 2-3-4 (Ass. Cult. Antica Pieve). Nel 2019, ha pubblicato con Flavia Bugani e Gabriele Zelli Forlì e il Risorgimento. Itinerari attraverso la città, foto di Giorgio Liverani,(Edit Sapim, 2019). Sempre nel 2019 ha pubblicato a doppia firma con Gabriele Zelli Fatti e Misfatti a Forlì e in Romagna volume 4 («Il Ponte Vecchio») e Forlì. Guida al cuore della città (foto di F. Casadei, Diogene Books). Con Gabriele Zelli ha inoltre dato alle stampe: La grande nevicata del 2012 (2013), Sulle tracce di Dante a Forlì (2020), in collaborazione con Foto Cine Club Forlì, Itinerario dantesco nella Valle dell’Acquacheta (2021), foto di Dervis Castellucci e Tiziana Catani, e I luoghi di Paolo e Francesca nel Forlivese (2021), foto di D. Castellucci e T. Batani. È inoltre autore delle monografie industriali: Caffo. 1915-2015. Un secolo di passione (Mondadori Electa, 2016) e Bronchi. La famiglia e un secolo di passione imprenditoriale (Ponte Vecchio, 2016).