Faggiotto attacca sindaco e Conad

Su Facebook. In video torna a contestare l'operazione sulla caserma dei carabinieri, ma offre una nuova chiave di lettura

Affondo su Facebook contro il sindaco e la Conad. Il video è stato girato e postato da Fabrizio Faggiotto ed ha ottenuto un record di visualizzazioni, quindi è facile immaginare che sarà ripreso dai due giornali cittadini.

 

Faggiotto ipotizza che l’operazione caserma dei carabinieri sia stata fatta per favorire l’aumento del centro commerciale Montefiore.

Per prima cosa serve ricostruire quello che è successo. Da tempo l’area di fianco al teatro Bonci era diventata insufficiente per ospitare la compagnia dei carabinieri. Non a caso l’Arma si era trasferita di fronte all’ex tribunale. Una scelta che, si sapeva, sarebbe stata temporanea. Nel frattempo è partito un bando pubblico per la costruzione della caserma. Alla finanza di progetto hanno partecipato in due ed ha vinto la Conad. La caserma sarà costruita nella zona del Montefiore e permetterà al centro di aumentare la propria metratura. Una soluzione che era sempre stata fortemente contestata dall’opposizione, ma in particolare da Davide Fabbri. Gli oppositori, senza mezzi termini, hanno sempre parlato di un favore fatto alla Conad per permettere di aumentare la metratura del centro commerciale, soluzione che metterà in forte difficoltà il commercio del centro storico.

Versione sempre confutata dal Comune che ha costantemente replicato sostenendo che quell’accordo è stato fatto nell’interesse della città e del centro che usufruirà di diversi soldi da poter utilizzare per le iniziative. Risposta che, ritengo, sarà la stessa data anche questa volta.

 

Fin qui, però, niente di nuovo. La novità è legata all’approfondimento di Faggiotto. Il blogger afferma, documenti alla mano, che l’operazione è stata studiata a tavolino. Tutto ruota attorno all’ex tribunale. I carabinieri l’avevano identificato come possibile nuova caserma, ipotesi bocciata dal Comune per problemi sismici poi risolti, per consentire il trasferimento della caserma della polizia municipale, a fronte di una spesa di 500 mila euro. Secondo Faggiotto una scelta simile poteva essere fatta anche quando c’era stata la richiesta dei carabinieri e sarebbe stata più conveniente non per la città. Poi il blogger cala il carico da undici e sostiene, citando una serie di date, che l’operazione è stata concepita per far vincere il Conad che aveva solo quella possibilità per aumentare la metratura del centro commerciale. In pratica è stata ribadita l’accusa fatta più volte al sindaco, ma in modo più dettagliato.

 

Di sicuro Faggiotto ha fatto un buon lavoro, sia che sia stato solo, che in team. Ora però deve cercare di capitalizzare il successo avuto. Giornalisticamente domani dovrebbe dargli un seguito. Il cosiddetto ritorno è uno degli elementi più importanti del lavoro giornalistico. Quando si ha una notizia in esclusiva non si utilizzano subito tutti i dati in proprio possesso, Ma se ne tiene almeno uno per riprendere la notizia il giorno successivo. In questo caso sarebbe anche utile per replicare alla posizione dell’amministrazione comunale che non potrà certo continuare ad ignorare la notizia, soprattutto dopo che sarà finita (come credo) sui quotidiani locali.
Naturalmente per Faggiotto ci sarebbero altri modi di capitalizzare non solo lo scoop, ma la visibilità che sta ottenendo grazie al lavoro che sta facendo. Potrebbe scegliere di entrare in politica. Non so se gli interessa e se ci ha mai pensato. Di sicuro ha gettato le basi per avere un discreto successo. Del resto, se gli interessasse, il momento per muoversi comincerebbe ad essere quello giusto.

Questo post è stato letto 74 volte

Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *