Bellezza e charme, cosa cambia

Ne parliamo con Miriam Notarangelo, Miss Mamma Italiana gold Romantica 2014

Come tutta la vita, i concorsi di bellezza sono un caleidoscopio ricco di luci, colori, immagini, figure, ma soprattutto umanità. Nel caso di una donna si pensa subito alla bellezza che poi deve essere l’elemento principale di chi partecipa ad un concorso. Ma oltre l’aspetto fisico c’è di più. Emerge, soprattutto, nel caso di Miss Mamma al quale partecipano donne con un vissuto importante e quindi con un carattere formato. Persone che sanno cosa vogliono, ma, soprattutto, sono consapevoli da dove vengono e dove vogliono andare. 

Ne parliamo con Miriam Notarangelo,  Miss Mamma Italiana gold Romantica 2014.

Come si è avvicinata al concorso?

“Prima del 2013 non ne conoscevo l’esistenza. L’ho scoperto attraverso un articolo di giornale.Decisi di partecipare. Allora mia figlia aveva sette anni”.

Bilancio?

“Positivo, sotto tutti i punti di vista. In particolare per il clima. È stata una sorpresa. C’era una solidarietà che non mi aspettavo di trovare. Ho visto la donna risplendere anche sotto una luce diversa”.

Nelle selezioni o in altre fasi?

“A tutti i livelli. Ma non nascondo che mi ha meravigliato vedere che nelle finali le concorrenti si  aiutavano. Non a caso sono nate delle amicizie che, nel mio caso, ma non è isolato, vanno avanti da diversi anni”.

Nella vita di tutti i giorni che lavoro fa?

“Mi divido tra Brescia e Cremona. Mi occupo di medicina alternativa. Da ventidue anni collaboro con un medico che ha una clinica privata”.

Nello specifico cosa fa?

“Sono psicanalista che si è formata come operatore olistico”.

Cosa consiglia di fare a una donna?

“Innanzitutto guadagnare in autostima. Da questo punto di vista non c’è niente di più bello che scoprire chi sei e non temere di esserlo perché non bisogna avere paura di essere ciò che si è. Guardi, che sentirsi bella è anche psicologico”.

È vero che il bello è soggettivo, ma quello è legato ad un fattore fisico.

“Non sono del tutto d’accordo. Ci sono persone che hanno una bellezza che va al di là dell’aspetto fisico. Essere bella dentro può valere altrettanto. Può essere charme o seduzione. Ho visto tantissimi esempi. Poi essere bella può essere un bel biglietto da visita, ma ti può creare anche dei problemi”.

Cioè?

“All’inizio l’avvenenza ti aiuta, ma poi devi saperla gestire perché può diventare una lama a doppio taglio”.

Sfila ancora?

“Quando ho potuto mi sono presentata. Adesso, intanto, ho organizzato una serata in collaborazione con la Te.Ma spettacoli. Si terrà il 17 di luglio a Montichiari (Brescia) nella cittadella di medicine alternative”.

Progetti per il futuro?

“Sviluppare una nuova specialità: la teatro/terapia. Il teatro è una disciplina completa. L’idea è programmare corsi per far crescere l’autostima”.

Le foto sono di Gloria Teti

Questo post è stato letto 74 volte

Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *