Forlì, persa un’occasione?

È opinione diffusa che con il Festival dei Videoclip si è persa un'occasione per valorizzare il centro

Cosa c’entra un Festival all’aeroporto con il rilancio del centro storico? 

Ecco la domanda che sta girando a Forlì, dopo che la quarta edizione di IMAGinACTION, il festival internazionale del videoclip, che si è tenuta non in centro (come tanti speravano e davano per scontato) ma all’aeroporto.

Ma, come sempre, prima di esprimere la propria opinione, vale la pena di attivare un po’ di analisi storica.

Perché su un Festival giunto alla quarta edizione, si può.

Tratta da Wikipedia

La prima edizione (nata dall’impegno dell’assessore Castorri e del sindaco Lucchi) si tenne a Cesena a fine estate 2017. Ospite d’onore Sting (e con lui, tra gli altri, Edoardo Bennato, Alex Britti, Luca Carboni, Carmen Consoli, Omar Pedrini, Skiantos, Antonello Venditti e Nina Zilli). Location: Teatro Bonci, Biblioteca Malatestiana, Teatro Verdi. Nel cuore del centro storico, quindi.

Sting fu l’ospite d’onore della prima edizione di ImaginAction a Cesena (foto: wikipedia)

La seconda edizione si tenne sempre a Cesena nel 2018: ospite d’onore Mark Knoplfer (e con lui, tra gli altri, Red Canzian, Giusy Ferreri, Lorenzo Fragola, Ermal Meta, Francesca Michielin, Mousse T, Negrita, Gino Paoli, Maurizio Vandelli & Shell Shapiro). Nella stessa location dell’anno prima, portando migliaia di persone nei bar, ristoranti, negozi del centro.

Mark Knopfler, ex Dire Straits, fu l’ospite d’onore della seconda edizione svolta a Cesena

La terza edizione (dopo uno scippo che a Cesena grida ancora vendetta), si è tenuta lo scorso anno a Ravenna. Ospiti d’onore Elisa, Nek, Guccini, Venditti, Amoroso, Pelù e Zampaglione. Location? Il Teatro Alighieri. Pieno centro storico, quindi.

Francesco Guccini fu il grande ospite della terza edizione di ImaginAction, svolta a Ravenna
J-Ax (Wikipedia)

E l’edizione 2020? Ospiti: Edoardo Bennato, Mario Biondi, Gigi D’Alessio, Leo Gassman, Fabrizio Moro, Andrea Morricone, Franco Simone, Noemi, Pinguino tattici nucleari, Renzo Rubino, Jack Savoretti, Sparks ma, soprattutto, la scelta di uscire dal centro storico per collocarsi in un aeroporto.

L’impressione  è che per il centro si sia persa un’occasione importante. Ora, è vero che il Covid-19 impone a tutti di pensare con grande attenzione agli eventi in grado di richiamare pubblico e persone in massa. Ma siamo sicuri che 300/500 auto a finestrini aperti, strette l’una all’altra come all’orario di uscita da scuola dei figli, siano così sicure? E, soprattutto, siamo certi che la stessa quantità di persone (500/1.000) non fossero collocabili nelle piazze di Forlì mantenendo il distanziamento delle sedie (il recente Ravenna Festival ha insegnato a mezz’Italia come si fa), ma garantendo che, invece di tre ambulanti pronti a propinare panini e piadine (e per fortuna che c’erano) all’Aeroporto, a lavorare fossero negozianti, baristi e ristoratori del centro storico di Forlì, anche offrendo una ben migliore immagine della città?

Foto Blaco

Le domande però sono sempre le stesse: che c’azzecca col centro storico? Quei 100 mila euro potevano essere spesi in altro modo? 

Soprattutto servirebbe una risposta dal centrodestra. È legittimo che ritenga che quella dell’ assessore Cintorino, che ha la delega al centro storico, sia la visione giusta. Però, a quel punto, dovrebbe  spiegare perché a Cesena e Ravenna non risparmia critiche ai sindaci “comunisti” che depauperano il centro. È vero che in politica ormai vale tutto e il contrario di tutto, ma sarebbe difficile fare un triplo salto mortale con avvitamento.

Questo post è stato letto 74 volte

Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *