La vita nel Villaggio del Festival di Caterina Sforza


Il Medioevo e il Rinascimento forlivese nel Villaggio del Festival di Caterina Sforza

Mercato e artigiani storici a cura delle Associazioni: il Drago oscuro, Famaleonis e Rosa dei venti.

“Nelle due giornate abbiamo avuto la visita di molte persone interessate a scoprire gli aspetti di vita quotidiana nel Rinascimento forlivese: la cucina, il mestiere delle armi, il mercato. Adulti e bambini hanno potuto conoscere, vedere e sperimentare la ricostruzione storica realizzata quest’anno anche grazie ai 25 volontari presenti”, racconta Gian Marco Babini, presidente del Drago Oscuro. “Le nostre Associazioni sviluppano i temi della rievocazione, della ricostruzione, della didattica da più di 20 anni. Pur essendo tre distinte associazioni collaboriamo e cooperiamo nell’approfondimento storico di diversi temi. Questo ha permesso di creare a Forlì un ricco patrimonio di associazioni legate alla rievocazione storica utili a valorizzare e sviluppare culturalmente il tema Medioevale e Rinascimentale forlivese” continua Eugenio La Rosa, presidente della Famaleonis.

“Le attività che portiamo avanti tutto l’anno, sempre legate agli aspetti storici, si esplicano attraverso i corsi di scherma storica, arco storico attuati dal gruppo del Drago Oscuro e dalla Rosa dei Venti presso la sede del CSI di Forlì.” Racconta Alessandro Fantucci della Rosa dei Venti.

“Il nostro sogno è che si realizzi il proposito di poter avere sede presso la Rocca di Ravaldino per poter sviluppare e rendere fruibile l’immobile anche ai cittadini. Ci fa piacere renderci disponibili nello sviluppo di progetti legati alla storia di Forlì”, auspicano i tre presidenti.

Tutti i nomi dei mercatini artigianali dedicati a Caterina Sforza: Azienda Agricola Fiorentini, Erboristeria Demetra, Smart Leather accessori, Recls t-shirt handmade, Studio Immagine, Natura Tre cosmetici, Il mio mondo baby, Stefania Bargossi handmade, Geometrie Creative, Maila Boscarato Baby, Lumilla Art Bijoux, Il Guado stampe romagnole, Eugenio Lenzi Scultore, Soqquadro Lab Store, Cristina Stacchini handmade, Wilmer Patuelli piante e fiori, I cappelli di Stefania Alni, I mosaici di Giosuè Baga, Le ceramiche di Alessandra Alpi, Le creazioni di Ombretta, I gioielli di Silvia Ballardini, GloriaHM jewelry, Le essenze di Franco Ferrario, Sartoria sostenibile coop. Treottouno, Giochi medioevali di Monica Solaroli, Carlo Capelli Arte – pittore, Roberto Reali Mastrovasaio, Malti e Bassi birreria artigianale

Le ricette ispirate alla corte di Caterina Sforza > Food Truck: Collegino, LatoB, ZioBio, Il Demodè, Osteria del Ferrovecchio, Amorosina & Semplice, I Cugini di Romagna.
Strada dei vini e dei sapori: Azienda Agricola Casadei, Tenuta Villa Rovere, Azienda Agricola Balducci.

Laboratori, lezioni, letture e conversazioni a cura di:  Eleonora Ghetti per Demetra, La Compagnia dei Giunchi, Flavio Milandri di Fantariciclando, Cecilia Milantoni archeologa e ricercatrice di ricette medievali, degustazioni di dolci antichi a cura di Claudia Fanciullo di Arkeogustus, musica itinerante con i Kissene Folk,le bolle giganti di Strudel, i giochi di una volta a cura di Monica Solaroli, scopriamo le piante officinali con le Guardie Ecologiche Volontarie, a cura di GEV – La Còcla, i giochi di legno con Enzo della Capanna del Drago / Il Plaustro, la medaglia di Caterina con il liutaio e scultore Foscolo Lombardi il famoso liutaio di Dovadola.

Un ringraziamento particolare va a Sabrina Ravaglia e Silvia Ceroni per il coordinamento del Villaggio, l’Associazione feste medievali di Brisighella e Caviro per gli allestimenti floreali.

 

Il “Festival Caterina Sforza di Forlì. L’anticonformista. 2022” è promosso e coprodotto dal Comune di Forlì – Assessorato alla Cultura, da un’idea di Valerio Melandri. Il concept e la direzione artistica sono di Eleonora Mazzoni. Il festival è sostenuto da CIAF – Consorzio Idraulici artigiani forlivesi e MPP assicurazioni. La realizzazione è coordinata dall’agenzia Essere Elite e resa possibile anche grazie al prezioso contributo di La BCC ravennate, forlivese e imolese, Oleodinamica Forlivese, EsseAuto e il sostegno di Avis Comunale Forlì.

La vita nel Villaggio del Festival di Caterina Sforza
La vita nel Villaggio del Festival di Caterina Sforza
La vita nel Villaggio del Festival di Caterina Sforza

Rosetta Savelli – 28 giugno 2022

Questo post è stato letto 123 volte

Avatar photo

Rosetta Savelli

La scrittrice Rosetta Savelli coltiva da sempre l'amore per la Musica, la Letteratura e l' Arte in tutte le sue espressioni. Ha pubblicato quattro libri: un racconto , una raccolta di poesie e due romanzi. Ha partecipato a numerosi Concorsi Letterari, sia nazionali che internazionali ottenendo riconoscimenti e pubblicazioni. E' inoltre presente in una ventina di antologie letterarie, sia di prosa che di poesia. Ha pubblicato racconti su riviste specializzate di Arte e Letteratura. Ha partecipato a trasmissioni televisive e radiofoniche ed ha intervistato noti personaggi della Cultura e dello Spettacolo. Rosetta Savelli è una donna libera ,che vive in modo autonomo ed indipendente rispetto alle convenzioni, sia sociali che individuali e considera la vita come un'incessante e complessa ricerca di ciò che è giusto e di ciò che è vero. E' una donna che considera la ricerca sempre come prioritaria alla certezza e che vive in modo coerente rispetto ai propri pensieri. Il suo romanzo "La Primavera di Giulia" è stato pubblicato dal Ponte Vecchio in Cesena nel 2006. Il racconto "Iris e Dintorni" e la raccolta di poesie "Le Magie che mi soffiano lontano" sono stati pubblicati nel 2002 dalla Firenze Libri e sono stati presentati alla 55° Fiera del Libro di Francoforte nel 2003, inseriti nel volume antologico "White Land L' Autore". Nel 2009 ha partecipato al Premio Letterario Firenze per le Culture di Pace, dedicato a Tiziano Terzani ed è stata inserita nel volume antologico "Racconti per la Pace" con il racconto "Il Mondo nella piazza davanti a casa mia". Con il racconto "Rendere e non finire " pubblicato sul quotidiano indipendente online "La Voce D' Italia" ha partecipato al Premio Giornalistico Nazionale "Natale UCSI 2006". Nel 2012 ha partecipato ed è stata premiata al xx° Concorso Letterario Internazionale A.L.I.A.S.- Associazione Letteraria Scrittori Italo Australiani, ottenendo il 2° posto con la poesia "La Torre Campanara ed il Castello" e la menzione di merito per la sezione narrativa con il racconto "La Corda di Carbonio". Ha scritto molti articoli per la rivista multiculturale indipendente “Horizon Literary Contemporary” con sede in Bucharest e diramata poi nel mondo. Scrive inoltre articoli per diversi Magazine online. E' stata fra i tre vincitori all'evento Turboblogging per Aster- Rete di Alta Tecnologia dell'Emilia Romagna presso il CNR in Bologna nel giugno 2013. Nel 2014 ha partecipato al Concorso Big Jump con il suo ultimo romanzo pubblicato in Amazon “Celeste (Da qui a Hollywood la strada è breve)” risultando 15° fra 220 concorrenti. Nel 2014 ha iniziato la collaborazione con la Rivista Juliet Art Magazine – prestigiosa Rivista di Arte Contemporanea e di Avanguardia con una rubrica propria. Nella 2° edizione dell'evento Turboblogging promosso da Aster- CNR Bologna, nel 2014, si è classificata nuovamente tra i vincitori, ottenendo come premio di fare parte per una settimana della Redazione di Radio Città del Capo a Bologna, nel mese di aprile 2015. Nel mese di ottobre 2015 Rosetta Savelli ha vinto il III° Premio alla V° Edizione del Premio Kafka Italia 2015 in Gorizia, presso Kulturni C Lojze Bratuž, con il Racconto “Iris e Dintorni” edito nel 2003 dalla Firenze Libri . Nel mese di aprile 2017 Rosetta Savelli insieme all'artista Daniele Miglietta ha vinto il Premio della Critica in occasione della I°Edizione del Concorso online “Poesia a Colori” - Dall'incontro di due artisti le parole si colorano. Indetto dall'Associazione Arte per Amore, sotto la Presidenza di Barbara Benedetti. Rosetta Savelli ha partecipato con la poesia “Se sei donna ti diranno che ti manca” abbinata all'opera pittorica di Daniele Miglietta “Sleeping on flowers”. Collabora con la rivista di arte contemporanea "Juliet art magazine" con sede a Muggia (Trieste) e diretta da Roberto Vidali. Collaborazione nata nell'anno 2014 e tutt'ora in atto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *