FOTOGRAFIA, TRA LETTERATURA E FILOSOFIA

Proseguono venerdì 23 maggio gli appuntamenti con gli “Incontri di maggio”, rassegnadedicata alla Fotografia Contemporanea a cura dell’Associazione “Cultura e immagine” in collaborazione con Istituzione Cultura Savignano e Savignano IMMAGINI.

Sarà presente per l’occasione Andrea Angelini che proporrà una riflessione sul tema “Percorsi fotografici tra letteratura e filosofia”, un percorso che ci porterà ad aprire nuove porte verso la ricerca dell’invisibile nel visibile.

La fotografia ha maggiore potere delle parole come molti credono? Sicuramente la fotografia è entrata prepotentemente nel mondo ed ha cambiato il modo di percepire il nostro presente, passato e futuro. Ogni immagine, che sia immaginata o reale, parla della nostra esistenza e/o del mondo in cui viviamo. L’arte, in genere, segue i pensieri filosofici della propria contemporaneità rielaborando il pensiero del passato ed inventando nuovi sogni. La fotografia anch’essa esplora il reale per mostrarci nuovi mondi altrettanto impossibili da comprendere fino in fondo.

Attraverso alcuni romanzi contemporanei e citazioni filosofiche, Angelini guiderà i presenti lungo un percorso che toccherà alcuni grandi concetti universali, componente essenziale del fotografico e della nostra esistenza: l’immagine, il tempo, lo spazio, l’identità, la memoria.

Una serata all’insegna del confronto sul linguaggio della fotografia che l’autore stimolerà alternando la visione di alcuni suoi progetti fotografici alla lettura di stralci di romanzi. Dall’album di famiglia alle immagini della memoria; dall’aura di Benjamin alla percezione temporale di Sant’Agostino; dal voyeurismo all’eterna ricerca della bellezza nell’arte; dalla necessità di solennizzare la propria esistenza alla ricerca della propria identità. La fotografia è uno straordinario mezzo di comunicazione che rappresenta alcuni concetti dell’esistenza in modo unico ma occorre capire il suo linguaggio per poter comprendere e selezionare gli infiniti impulsi di luce che ogni giorno percepiamo.

Un percorso difficile da iniziare ed impossibile da terminare in quanto ad ogni porta varcata se ne aprono altre dieci e la conoscenza ci mostrerà sempre, maggiormente, la nostra assoluta ignoranza.

Romanzi da cui verranno analizzati alcuni stralci sul fotografico:

Jonathan Coe (La pioggia prima che cada); Jonathan Safran Foer (Molto forte incredibilmente vicino); Paul Auster (Il racconto di Natale di Auggie Wren); Don DeLillo (Rumore bianco); Nicole Krauss (La storia dell’amore); Peter Handke (La donna mancina); Michel Tournier (La goccia d’oro); Antonio Tabucchi (Il tempo invecchia in fretta); Margaret Atwood (Disordine morale); Penelope Lively (La fotografia); Marguerite Duras (L’amante); Patrick Modiano (Sconosciute); Nick Hornby (Tutta un’altra musica), Gunter Grass (Camera oscura), Luigi Pirandello (Quaderni di Serafino Gubbio Operatore), Alberto Moravia (L’uomo che guarda), Milan Kundera (L’insostenibile leggerezza dell’essere).

La rassegna, aperta al pubblico, si svolge in seno al programma di SavignanoINCONTRI 2014 e prevede l’incontro con personaggi del mondo della fotografia. Tutti gli incontri si terranno a Savignano sul Rubicone presso la Vecchia Pescheria (corso Vendemini, 51) con inizio alle ore 21,15. Ultimo appuntamento in programma:

  • Venerdì 30 maggio ore 21.15
    Silvio Canini
    Autore dell’anno FIAF

    I programmi dettagliati delle singole iniziative sono reperibili nel sito
    www.culturaeimmagine.it. Per info: Circolo Fotografico Cultura e Immagine, tel. 349 8623699, mail: info@culturaeimmagine.it; oppure “Istituzione Cultura Savignano” tel. 0541 944017; mail: cultura@savignanosulrubicone.com.

Questo post è stato letto 102 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *