Alcuni dei principali eventi nel Forlivese di maggio 2017

5 maggio
Forlì: presentazione del libro “Se hai una montagna di neve tienila all’ombra”
Venerdì 5 maggio 2017, alle ore 17.00, presso l’Auditorium della Cassa dei Risparmi, via Flavio Biondo 16, Forlì, verrà presentato il libro “Se hai una montagna di neve tienila all’ombra. Un viaggio nella cultura italiana” di Elisabetta Sgarbi. Sarà presente l’autrice.
Ingresso libero fino a esaurimento posti in sala. Per informazioni www.fondazionecariforli.it

5 maggio
Forlì: Francesco Tesei, mentalista, Maurizio Tassani, tenore
Venerdì 5 maggio 2017, alle ore 21.00, presso il Teatro Diego Fabbri, corso Diaz 47, Forlì, si terrà uno spettacolo benefico a favore delle popolazioni colpite dal terremoto dello scorso anno, in particolare per la costruzione di 24 casette per il Centro terremotati di Arquata del Tronto e Camerino. La serata, promossa dai Lions Club di Forlì e Cesena in collaborazione con il Comune di Forlì, vedrà come protagonista il mentalista Francesco Tesei con la partecipazione del tenore Maurizio Tassani.
Ingresso 15 euro. Per informazioni 335-5259654. Prevendita presso Jump Caffè, piazza Morgagni 7, Forlì.

6 maggio
Forlì: presentazione del libro “extra time”
Sabato 6 maggio 2017, alle ore 16.30, presso la Biblioteca Comunale Aurelio Saffi, corso della Repubblica 78, Forlì, verrà presentato il libro “Extra Time”, edizione L’Ortica, 2017, che contiene poesie in dialetto romagnolo del poeta longianese Sante Pedrelli, con la presentazione di Davide Argnani. Interverranno Paolo Turroni, autore della prefazione del libro, Gianfranco Miro Gori, che parlerà sul tema “Sante Pedrelli poeta eminente dell’area del dittongo”, e Guido Pedrelli, scrittore e cugino del poeta, che reciterà alcune poesie, intrattenendosi sul tema: “Sante Pedrelli un uomo e un poeta, una vita emozionante”.
Ingresso libero.

6 maggio
Meldola: presentazione del libro “Andrea Meldola fecit. Le stampe di Andrea Schiavone nelle collezioni romane”
Sabato 6 maggio 2017, alle ore 17.30, presso la Sala Versari del Palazzo Doria Pamphili, piazza Felice Orsini 12, Meldola, verrà presentato il libro “Andrea Meldola Fecit. Le stampe di Andrea Schiavone nelle collezioni romane” di Francesca Di Gioia, Gangemi Editore international – Roma. Insieme all’autrice interverranno Gian Luca Zattini, sindaco di Meldola, Tonino Simoncelli, presidente Accademia degli Imperfetti, Daniele Masini, docente Liceo Artistico Forlì.
Ingresso libero.

7 maggio
Forlì: “Run to end polio now”, la podistica della solidarietà
Domenica 7 maggio 2017 si svolgerà per le vie del centro città la camminata organizzata dal Rotary per sostenere la lotta alla polio. Hanno aderito pure i campioni Mohamed Sanna Ali e Stefano Mei. Sono aperte sul sito www.rotaryforli.com/runtoendpolionow le pre-adesioni alla camminata ludico motoria “Run to End Polio Now”, la gara podistica di solidarietà organizzata dal Rotary domenica 7 maggio, con partenza e arrivo in piazza Saffi, per sostenere il progetto internazionale di eradicazione della poliomielite nel mondo. Sono già diverse centinaia le persone iscritte online e fra coloro che hanno aderito alla manifestazione vi sono anche l’atleta di origini somale, Mohamed Sanna Ali, campione paralimpico del basket in carrozzella, e Stefano Mei, già vincitore della medaglia d’oro agli Europei del 1986 nei 10 mila metri. La manifestazione sportiva prevede anche una camminata per famiglie, bambini e persone di tutte le età con tre percorsi a scelta di 10, 5 o 2 chilometri che si dipanano nel suggestivo itinerario fra monumenti, palazzi e vie del centro di Forlì, passando anche per il parco “Paul Harris” in via Bengasi, intitolato al fondatore del Rotary. A chi avrà fatto la preiscrizione online sarà riservato un sostanzioso pacco gara, composto da maglia, scaldacollo e vari prodotti alimentari. Per quanti invece si iscriveranno la mattina del 7 maggio il pacco sarà disponibile fino a esaurimento. Il costo di partecipazione è di 2,50 euro, da versare in piazza Saffi il giorno della Run. La manifestazione rientra nelle iniziative del Rotary Club Forlì, dal 1985 impegnato nella lotta alla poliomielite con la vaccinazione di milioni di bambini nel mondo grazie al programma internazionale “Polio Plus”. La gara non competitiva della solidarietà è realizzata dal Rotary col patrocinio di Comune di Forlì, Regione Emilia-Romagna, Uffici Comunicazioni sociali e Sport e Tempo libero della diocesi di Forlì-Bertinoro, Forlì Città Europea dello Sport, e col supporto d’imprese, associazioni, organizzazioni del territorio. All’evento è anche dedicata la pagina facebook @runtoendpolionow.

7 maggio
Forlì: una piega per l’Hospice
Domenica 7 maggio 2017, dalle ore 8.30 alle ore 18.00, presso la Sala Borsa della Camera di Commercio, corso della Repubblica 5, Forlì, grazie a un gruppo di parrucchiere/i, gratuitamente coinvolti nell’iniziativa, le signore potranno usufruire di “una piega” a fronte di un contributo di soli 10 euro. L’intero ricavato sarà devoluto all’Associazione Amici dell’Hospice.
Per informazioni www.amicihospiceforli.it

7 maggio
Forlì: l’armadio della musica
Domenica 7 maggio 2017, alle ore 16.00, presso la Sala Sangiorgi, corso Garibaldi 98, nell’ambito di Gaddi Festival, iniziativa ideata da Filippo Tadolini e promossa dal Comune di Forlì, dai Club Lions Forlì Host e Forlì-Cesena Terre di Romagna e dal Leo Club, si terrà il concerto dal titolo “L’armadio della musica”. I segreti del compositore Pietro Mascagni e delle sue muse romagnole, in un viaggio musicale alla scoperta degli spartiti custoditi nell’armadio del soprano forlivese Maria Farneti custodito presso il Museo Romagnolo del Teatro di Palazzo Gaddi.
Si esibirà Selena Colombera, soprano, accompagnata al pianoforte da Pia Zanca.
Roberta Paganelli, studiosa e autrice del libro “Maria Farneti nel cielo di Puccini e Mascagni”, Edizioni Grafikamemte, 2015, racconterà i successi artistici del soprano forlivese.
Nel corso del pomeriggio, come per tutte le domeniche pomeriggio di maggio, sarà possibile visitare il Museo Romagnolo del Teatro, grazie all’impegno dei soci e delle socie dei Lions Club Forlì Host e Forlì-Cesena Terre di Romagna e del Leo Club.
Ingresso libero.

12 maggio
Castiglione di Ravenna: inaugurazione della mostra “Castiglione ieri e oggi”
Venerdì 12 maggio 2017, alle ore 18.30, presso la sede dell’Associazione Culturale Castiglionese “Umberto Foschi”, via Zattoni 2/a, Castiglione di Ravenna, verrà inaugurata la mostra fotografica “Castiglione ieri e oggi” a cura del fotografo Mirko Valentino e organizzata dalla Cooperativa Don Girolamo Zattoni. La mostra resterà aperta nelle giornate di sabato 13, dalle 1400 alle 21.00, e domenica 14 maggio, dalle 10.00 alle 21.00.
Ingresso libero.

14 maggio
Forlì: Percorso Masini, itinerari urbani nei luoghi di Angelo Masini
Domenica 14 maggio 2017, con ritrovo e partenza alle ore 16.00 da Palazzo Gaddi, corso Garibaldi 96, Forlì, Gabriele Zelli condurrà una passeggiata raccontata dal titolo “Percorso Masini: itinerari urbani nei luoghi di Angelo Masini”. Ai partecipanti sarà consegnato in omaggio la pubblicazione “Museo Romagnolo del Teatro di Palazzo Gaddi”, redatto da Riccardo Bevilacqua, per conto dei Club Lions Forlì Host e Forlì-Cesena Terre di Romagna e del Leo Club, con la collaborazione di Claudio Sirri, Filippo Tadolini e Gabriele Zelli.
Partecipazione libera. Per informazioni 349-3737026.
Come tutte le domeniche pomeriggio, fino alla fine di maggio, sarà possibile visitare il Museo Romagnolo del Teatro grazie all’impegno dei soci e delle socie dei Lions Club Forlì Host e Forlì-Cesena Terre di Romagna e del Leo Club.
Ingresso libero.

20-21 maggio
Rocca delle Caminate: otto castelli per un palio
Nelle giornate di sabato 20 e domenica 21 maggio 2017, presso la Rocca delle Caminate, si svolgerà la XVII edizione di “Otto castelli per un palio”, a cura del Circolo Acli di Rocca delle Caminate, dell’Associazione “Il Drago Oscuro” e dell’Associazione Culturale Falconeria Freddy.
Partecipazione libera. Per informazioni 338 32732271.

21 maggio
Forlì: Voce Parve A Me D’amor
Domenica 21 maggio 2017, alle ore 16.00, presso la Sala Sangiorgi, corso Garibaldi 98, Forlì, per Gaddi Festival, iniziativa ideata da Filippo Tadolini e promossa dal Comune di Forlì, dai Club Lions Forlì Host e Forlì-Cesena Terre di Romagna e dal Leo Club, il soprano Cinzia Centonza accompagnata al pianoforte da Pia Zanca, terrà un concerto dedicato al Eugenia Savorani Tadolini, soprano forlivese da riscoprire partendo dal fatto che per lei scrissero ruoli Giuseppe Verdi, Gaetano Donizetti, Giovanni Pacini e Saverio Mercadante. Nel corso dell’iniziativa Giorgio Apollonia, musicologo e conduttore della trasmissione “Ridotto all’Opera” della Radio Svizzera, racconterà la vita artistica di Eugenia Savorani Tadolini.
Al termine sarà possibile visitare il Museo Romagnolo del Teatro che, come tutte le domeniche fino alla fine di maggio, resterà aperto grazie all’impegno dei soci e delle socie dei Lions Club Forlì Host e Forlì-Cesena Terre di Romagna e del Leo Club.
Ingresso libero.


I GRANDI EVENTI DI MAGGIO 2017

18 maggio
Forlì: partenza della dodicesima tappa del 100° Giro d’Italia
In memoria del forlivese Tullo Morgagni, caporedattore della «Gazzetta dello Sport» e ideatore nel 1909 della prima edizione della grande kermesse ciclistica, il Giro d’Italia numero 100 fa tappa a Forlì.
Dopo l’arrivo di mercoledì 17 maggio a Bagno di Romagna, con passaggio da Santa Sofia, la carovana rosa si sposterà a Forlì dove, la mattina seguente alle ore 11.15 circa, verrà dato il via per quella che sarà la tappa più lunga dell’edizione 2017: Forlì-Reggio Emilia. La partenza avverrà in piazza Saffi, all’angolo via delle Torri. Il percorso cittadino proseguirà verso piazza del Duomo, corso Garibaldi e, passando da Porta Schiavonia, imboccherà viale Bologna in direzione di Faenza.
Intorno alle ore 9.00 aprirà il settore che ospiterà la partenza in piazza, per permettere agli spettatori di seguire la gara.

Forlì: da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017
“DANTE. TÒTA LA CUMÉGIA” TERZA EDIZIONE
200 cantori per la lettura no stop delle intere tre cantiche della “Divina Commedia”

Dopo il grande successo ottenuto dalle due passate edizioni , torna “Dante. Tòta la Cumégia”, la lettura no stop delle intere tre cantiche della “Divina Commedia”, tenuta da personaggi del mondo della cultura, della politica e dello spettacolo forlivese ma anche da giovani e giovanissimi lettori che si avvicinano per la prima volta all’opera dantesca.
Quest’anno la manifestazione è stata anticipata da un fitto programma di eventi collaterali, tenutisi lo scorso mese di marzo, presso la Sala Melozzo e alla Fabbrica delle Candele, divisi in due cicli (“Dire Dante” e “Scrivere Dante”) che hanno visto la partecipazione complessiva di alcune centinaia di persone.
Anche quest’anno la lettura dei canti avrà come scenario tre diverse, affascinanti ambientazioni: Arena Melozzo (Inferno, 17 maggio), Cortile del Palazzo del Governo (Purgatorio, 18 maggio), Ex Chiesa di San Giacomo (Paradiso, 19 maggio). L’ingresso alle tre serate, che avranno inizio alle ore 18.00, è libero.
“Dante. Totà la Cumégia” è una manifestazione che sin dalla sua prima edizione riscuote consensi sempre crescenti. Alle tre serate delle due passate edizioni, organizzate presso alcune delle più suggestive location della città, hanno preso parte circa 300 cantori e un folto pubblico, stimabile in oltre 2.500 persone, curiose e interessate.
In tempi in cui arte e poesia sono sempre più considerate un bene intimo e privato, con la lettura pubblica della “Divina Commedia” si vuole restituire l’antico carattere d’immediatezza popolare al più grande capolavoro della nostra letteratura.
Per consolidare l’esperienza delle prime due edizioni del progetto e per strutturare in maniera stabile un percorso che abbia come obiettivo il 2021, anno in cui si celebrerà il 700° anniversario della morte di Dante Alighieri, si è deciso di rendere la manifestazione non più solo un appuntamento estivo, ma in tutto e per tutto un laboratorio permanente, incentrato sul Sommo Poeta, nel territorio forlivese.
Forlì fu una tra le città che maggiormente sostenne il “Ghibellin fuggiasco” negli anni del suo esilio da Firenze. Ed è per questo che merita di essere considerata a pieno titolo e di diritto città dantesca, come dimostrano le crescenti manifestazioni dedicate all’autore della “Commedia” che si svolgono sul territorio, prima tra tutte “Dante. Tòta la Cumégia”.
In tre serate consecutive i cantori potranno declamare il “loro” canto della “Divina Commedia”, fino a completare l’intera opera. I cantori potranno interpretare Dante con la loro sensibilità, per condividere l’immortale bellezza della “Divina Commedia”. Ogni canto potrà essere recitato da gruppi o da singoli, in italiano, in dialetto o in qualsiasi altra lingua in cui l’opera dantesca sia stata tradotta.
L’evento diviene così una performance corale, aperta a tutti, che nasce dalla riscoperta dell’attualità di Dante, per ricordare che la lingua del Sommo Poeta è stata, ed è tuttora, un raro e prezioso elemento di unificazione del nostro Paese.
All’edizione 2017 di questo importantissimo progetto culturale sono stati coinvolti:
– il mondo della scuola e in particolare 11 classi tra medie e elementari della Scuola Primaria “Serri Pini” di Castrocaro Terme, della Scuola Primaria “Dante Alighieri “ di Forlì, della Scuola Secondaria “Piero Maroncelli” di Forlì; attraverso un lavoro svolto dalle insegnanti con le classi durante l’anno scolastico, gli studenti hanno avuto la possibilità di avvicinarsi alla Commedia;
– il mondo della cooperazione sociale, per mezzo della Domus Coop, quindi attraverso la voce e i gesti dei ragazzi diversamente abili, seguiti dalla cooperativa;
– il mondo dell’Università, tramite la collaborazione con il Dipartimento di Interpretazione e Tradu­zione dell’Università di Bologna Campus di Forlì;
– la Diocesi di Forlì, che promuove in particolare la conferenza “Dante Pellegrino“, incentrata sulle cantiche della Commedia che meglio identificano questo tema, molto caro al Sommo Poeta, condotta da Filippo Zanini, introdotto da Cesare Pomarici.
Anche quest’edizione, come le precedenti, è dedicata alla memoria di Andrea Brigliadori, punto di riferimento culturale e “maestro” per generazioni di forlivesi e non solo. Brigliadori ha sempre indicato nella nostra tradizione letteraria una sicura fonte di educazione e di formazione. In particolare è stato un vero discepolo di Dante, promuovendo e partecipando a numerose letture dantesche, sia a Forlì sia nei territori romagnoli attraversati dal Sommo Poeta. È stato inoltre curatore di una grande edizione della “Divina Commedia” in tre volumi, illustrata dagli artisti Roberto Casadio (Inferno), Mario Di Cicco (Purgatorio) e Angelo Ranzi (Paradiso), e commentata sulla base delle letture pubbliche tenute nel corso degli anni nel territorio forlivese.
Dalla prima edizione, direttore artistico di “Dante. Totà la Cumégia” è Franco Palmieri, attore, regista e autore di testi teatrali, che già ha proposto questo progetto con successo a Firenze per 10 anni, a Milano, a Bellaria, a Bologna, a Chicago, a Ravenna.
“Dante. Tòta la Cumégia” è organizzata, promossa e prodotta dall’Associazione Culturale Direzione 21, in collaborazione con il Centro Culturale La Bottega dell’Orefice e il Comitato Società Dante Alighieri dei Territori di Forlì-Cesena.
La manifestazione si svolge con il patrocinio del Comune di Forlì e con l’appoggio della Diocesi di Forlì-Bertinoro e della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì
Per informazioni:
email: ass.direzione21@gmail.com
telefono: 331 88 62 632 – 392 44 88 070
Facebook: @direzione21

“DANTE. TÒTA LA CUMÉGIA” TERZA EDIZIONE
Lunedì 15 Maggio, ore 21.00
Sala Melozzo , Forlì , Piazza Melozzo 7
Conferenza dal titolo: “Dante ‘pellegrino’ in Purgatorio”
Relatore Filippo Zanini, introduce Cesare Pomarici
Nella conferenza sarà proposta una riflessione su come l’esperienza del pellegrinaggio, nella sua dimensione sociale e religiosa, abbia influenzato Dante nella sua rappresentazione del Purgatorio e del cammino da lui stesso compiuto all’interno della seconda cantica. L’argomento sarà trattato tramite la lettura e il commento di passi scelti.
Filippo Zanini (1986) ha conseguito la laurea magistrale in Italianistica nel 2010 presso l’Università di Bologna, con una tesi dal titolo «Retorica e parodia sacra nell’Inferno dantesco». Nel maggio 2014 ha conseguito il dottorato di ricerca in Letteratura e Filologia italiana presso l’Università di Firenze. Si è occupato di aspetti storico-religiosi della Commedia e della sua fortuna in età umanistica; dal 2013 è redattore della rivista «L’Alighieri». È docente d’Italiano e Latino nei licei.
Cesare Pomarici (1992) ha conseguito la laurea magistrale in Filologia classica nel 2017 presso l’Università di Bologna, con una tesi dal titolo «Paolo Volponi traduttore di Bacchilide». Attualmente lavora in una scuola secondaria di primo grado.

Questo post è stato letto 93 volte

Avatar photo

Marco Viroli

Marco Viroli è nato a Forlì il 19 settembre 1961. Scrittore, poeta, giornalista pubblicista, copywriter, organizzatore di eventi, laureato in Economia e Commercio, nel suo curriculum vanta una pluriennale esperienza di direzione artistica e organizzazione di mostre d’arte, reading, concerti, spettacoli, incontri con l’autore, ecc., per conto di imprese ed enti pubblici. Dal 2006 al 2008 ha curato le rassegne “Autori sotto la torre” e “Autori sotto le stelle” e, a cavallo tra il 2009 e il 2010, si è occupato di pubbliche relazioni per la Fondazione “Dino Zoli” di arte contemporanea. Tra il 2010 e il 2014 ha collaborato con “Cervia la spiaggia ama il libro” (la più antica manifestazione di presentazioni librarie in Italia) e con “Forlì nel Cuore”, promotrice degli eventi che si svolgono nel centro della città romagnola. Dal 2004 è scrittore e editor per la casa editrice «Il Ponte Vecchio» di Cesena. Autore di numerose prefazioni, dal 2010 cura la rubrica settimanale “mentelocale” sul free press settimanale «Diogene», di cui, dal 2013, è anche direttore responsabile. Nel 2013 e nel 2014, ha seguito come ufficio stampa le campagne elettorali di Gabriele Zelli e Davide Drei, divenuti poi rispettivamente sindaci di Dovadola (FC) e Forlì. Nel 2019 ha supportato come ufficio stampa la campagna elettorale di Paola Casara, candidata della lista civica “Forlì cambia” al Consiglio comunale di Forlì, centrando anche in questo caso l’obiettivo. Dal 2014 al 2019 è stato addetto stampa di alcune squadre di volley femminile romagnole (Forlì e Ravenna) che hanno militato nei campionati di A1, A2 e B. Come copywriter freelance ha collaborato con alcune importanti aziende locali e nazionali. Dal 2013 al 2016 è stato consulente di PubliOne, agenzia di comunicazione integrata, e ha collaborato con altre agenzie di comunicazione del territorio. Dal 2016 al 2017 è stato consulente di MCA Events di Milano e dal 2017 al 2020 ha collaborato con la catena Librerie.Coop come consulente Ufficio Stampa ed Eventi. Dal 2016 al 2020 è stato fondatore e vicepresidente dell’associazione culturale Direzione21 che organizza la manifestazione “Dante. Tòta la Cumégia”, volta a valorizzare Forlì come città dantesca e che culmina ogni anno con la lettura pubblica integrale della Divina Commedia. Da settembre 2019 a dicembre 2020 è stato fondatore e presidente dell’associazione culturale “Amici dei Musei San Domenico e dei monumenti e musei civici di Forlì”. Da dicembre 2020 è direttore artistico della Fabbrica delle Candele, centro polifunzionale della creatività del Settore delle Politiche Giovanili del Comune di Forlì. PRINCIPALI PUBBLICAZIONI Nel 2003 ha pubblicato la prima raccolta di versi, Se incontrassi oggi l’amore. Per «Il Ponte Vecchio» ha dato alle stampe Il mio amore è un’isola (2004), Nessun motivo per essere felice (foto di N. Conti, 2007) e "Canzoni d'amore e di funambolismo (2021). Suoi versi sono apparsi su numerose antologie, tra cui quelle dedicate ai Poeti romagnoli di oggi e… («Il Ponte Vecchio», 2005, 2007, 2009, 2011, 2013), Sguardi dall’India (Almanacco, 2005) e Senza Fiato e Senza Fiato 2 (Fara, 2008 e 2010). I suoi libri di maggior successo sono i saggi storici pubblicati con «Il Ponte Vecchio»: Caterina Sforza. Leonessa di Romagna (2008), Signore di Romagna. Le altre leonesse (2010), I Bentivoglio. Signori di Bologna (2011), La Rocca di Ravaldino in Forlì (2012). Nel 2012 è iniziato il sodalizio con Gabriele Zelli con il quale ha pubblicato: Forlì. Guida alla città (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2012), Personaggi di Forlì. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2013), Terra del Sole. Guida alla città fortezza medicea (foto di F. Casadei, Diogene Books, 2014), I giorni che sconvolsero Forlì («Il Ponte Vecchio», 2014), Personaggi di Forlì II. Uomini e donne tra Otto e Novecento («Il Ponte Vecchio», 2015), Fatti e Misfatti a Forlì e in Romagna («Il Ponte Vecchio», 2016), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna volume 2 («Il Ponte Vecchio», 2017); L’Oratorio di San Sebastiano. Gioiello del Rinascimento forlivese (Tip. Valbonesi, 2017), Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna, vol. 3 («Il Ponte Vecchio», 2018). Nel 2014, insieme a Sergio Spada e Mario Proli, ha pubblicato per «Il Ponte Vecchio» il volume Storia di Forlì. Dalla Preistoria all’anno Duemila. Nel 2017, con Castellari C., Novara P., Orioli M., Turchini A., ha dato alle stampe La Romagna dei castelli e delle rocche («Il Ponte Vecchio»). Nel 2018 ha pubblicato, con Marco Vallicelli e Gabriele Zelli., Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol.1 (Ass. Cult. Antica Pieve), cui ha fatto seguito, con gli stessi coautori, Antiche pievi. A spasso per la Romagna, vol. 2-3-4 (Ass. Cult. Antica Pieve). Nel 2019, ha pubblicato con Flavia Bugani e Gabriele Zelli Forlì e il Risorgimento. Itinerari attraverso la città, foto di Giorgio Liverani,(Edit Sapim, 2019). Sempre nel 2019 ha pubblicato a doppia firma con Gabriele Zelli Fatti e Misfatti a Forlì e in Romagna volume 4 («Il Ponte Vecchio») e Forlì. Guida al cuore della città (foto di F. Casadei, Diogene Books). Con Gabriele Zelli ha inoltre dato alle stampe: La grande nevicata del 2012 (2013), Sulle tracce di Dante a Forlì (2020), in collaborazione con Foto Cine Club Forlì, Itinerario dantesco nella Valle dell’Acquacheta (2021), foto di Dervis Castellucci e Tiziana Catani, e I luoghi di Paolo e Francesca nel Forlivese (2021), foto di D. Castellucci e T. Batani. È inoltre autore delle monografie industriali: Caffo. 1915-2015. Un secolo di passione (Mondadori Electa, 2016) e Bronchi. La famiglia e un secolo di passione imprenditoriale (Ponte Vecchio, 2016). 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *