A sinistra in corteo a Verona

Contro manifestazione per i diritti delle donne

Convegno di Verona: una delegazione della lista A sinistra in corteo alla contro manifestazione per i diritti delle donne. La nota.

I contenuti del Congresso mondiale sulla famiglia in corso in questi giorni a Verona ci erano apparsi subito molto chiari ma la realtà è ben peggiore. Già negli interventi di apertura, i relatori hanno portato un attacco violento e sprezzante alla legge 194 che tutela le donne e garantisce l’autodeterminazione.

E’ stato addirittura distribuito ai partecipanti un feto di gomma per intimidire le donne, gesto di una gravità inaudita.

Da molto tempo i diritti civili e sociali, conquistati in anni di battaglie, non subivano un attacco così evidente. 

Anche per questo alcune candidate delle Lista A Sinistra saranno presenti sabato 30 marzo a Verona per manifestare contro il congresso e contro il DDL Pillon.

Parteciperemo convintamente per dire che la legge 194 non si tocca, che “famiglia” è una parola che va declinata al plurale, che ogni famiglia è una storia a parte e ciò che conta è la qualità dell’investimento di amore. 

Ci batteremo anche a Cesena. La scelta di candidare prevalentemente donne nella nostra lista va in questa direzione, per garantire i diritti di tutte e tutti e sostenere realmente le famiglie affinché possano scegliere una genitorialità consapevole. 

Le famiglie, tutte le famiglie, si sostengono se si attivano scuole dell’infanzia che funzionano, servizi sociali attenti alle nuove povertà e alle nuove esigenze e una sanità che si occupi della cura. 

Questo post è stato letto 62 volte

Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *