La Comaco rifarà la pista del velodromo

FORLI’. Il Comune ha affidato i lavori per il rifacimento della pista del velodromo “Servadei” alla ditta forlivese Comaco Italiana Spa, impresa di costruzioni industriali che dal 1982 è partner edile di primarie industrie nazionali, specializzata nella manutenzione edile, negli interventi di nuova costruzione industriale ed è inoltre uno dei leader nazionali in manutenzioni d’industrie alimentari. Un lavoro da 250mila euro per realizzare un restyling dell’impianto ciclistico forlivese che dal 5 all’11 ottobre dovrà ospitare i campionati europei under 23 su pista. L’intervento prevede il totale rimpiazzo della storica pista, nata nel 1920 e ristrutturata nel 1967 ma da anni preda di piccoli interventi di manutenzione per rattoppare l’asfalto.

Ora il Comune ha deciso di rifare completamente la superficie e di intervenire anche nei magazzini e negli uffici per far fare bella figura alla città quando ad ottobre arriveranno squadre, allenatori e staff da tutta Europa. L’intervento è stato presentato in conferenza stampa e riportato dai giornali locali dal vicesindaco e assessore allo sport Daniele Mezzacapo.

Il vice sindaco Daniele Mezzacapo

L’intervento della ditta Comaco è già iniziato per completare i lavori tra la fine di settembre e inizio ottobre. La ditta Comaco era già stata protagonista sui giornali locali perché il suo presidente Ellero Fantini aveva inviato una diffida all’Amministrazione nel proseguire sulla strada dell’approvazione dello “spacchettamento” del comparto che porterà all’insediamento commerciale del colosso tedesco Lidl in via Bertini, all’angolo con via Pandolfa. “Tale modifica al Rue, approvata da quest’amministrazione nell’aprile 2020, ha visto un tanto improvviso quanto inspiegabile cambio di parere dei tecnici del servizio Urbanistica, che ci ha fortemente danneggiati in quanto co-proprietari del terreno confinante. Alla luce di questo abbiamo deciso di fare ricorso al Tar per detta vicenda” aveva detto. J

Questo post è stato letto 153 volte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *