“Gaming Classis” prosegue con Mario Kart

RAVENNA. La rassegna Gaming Classis, che vede La Corelli e Fondazione RavennAntica proporre speciali eventi al Museo Classis Ravenna, prosegue domenica 3 marzo con il torneo multiplayer di Mario Kart.

Un’occasione unica per cimentarsi con uno dei più celebri videogiochi di corsa, parte del leggendario franchise creato da Shigeru Miyamoto, con la colonna sonora – effetti speciali inclusi – eseguita dall’Ensemble La Corelli diretto da Alessandro Ricchi. Le iscrizioni al torneo  sono sold out,  ma è possibile partecipare come pubblico, supportando  il proprio giocatore preferito immersi nelle note della colonna sonora riprodotta dal vivo dall’orchestra. I sedici giocatori iscritti si affronteranno girone dopo girone, contendendosi il premio, ovvero due biglietti per uno spettacolo del prossimo Ravenna Festival.

Modalità simile domenica 17 marzo per il torneo di Pac-Man, accompagnato dalle variazioni composte da Alicia Galli sul tema del celeberrimo titolo che regnava nelle sale da gioco anni Ottanta; in questa  occasione l’Orchestra La Corelli è diretta da Jacopo Cacco.  Oltre che come giocatori, anche in questo caso è possibile partecipare come pubblico.
Domenica 31 marzo, Delitto al museo – in collaborazione con Spazio A, su testi di Silvia Rossetti e musiche composte ed eseguite da Davide Tardozzi – vede in scena Camilla Berardi, Marco Montanari, Rendy Anoh e Marco Saccomandi. Spetta al pubblico seguire l’itinerario all’interno del museo e risolvere il crimine commesso, con la stessa modalità interattiva dell’appuntamento di apertura della rassegna.

La rassegna è realizzata in collaborazione con l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini e il Teatro Alighieri.

Il progetto è reso possibile grazie al contributo del Ministero della Cultura, della Regione Emilia Romagna e del Comune di Ravenna.

Info e iscrizioni torneo Pac-Man (17 marzo): biglietteria@lacorelli.it

Info e prevendite: Biglietteria Teatro Alighieri 0544 249244 – Biglietteria online: www.teatroalighieri.org

Questo post è stato letto 121 volte