Serve una diversa idea di società, più vicina alle persone e ai loro bisogni

Consiglio territoriale della UIL FPL

Si è svolto il consiglio territoriale della UIL FPL di Cesena che ha visto l’ elezione di Elisa Montanari in qualità di segretario generale della UIL FPL di Cesena. Il consiglio della categoria dei dipendenti pubblici della UIL non è stato però occasione solo del rinnovo degli organismi statutari ma anche un importante momento di approfondimento di tutte le tematiche del Pubblico Impiego. Ai lavori, che hanno visto la partecipazione oltre che del Segretario Generale della UIL Emilia-Romagna Marcello Borghetti anche del Segretario della UIL FPL Emilia-Romagna Paolo Palmarini e del Segretario della UIL di Cesena Paolo Manzelli, si è molto dibattuto sul futuro del Territorio Cesenate e delle prospettive di crescita professionale dei lavoratori di sanità, enti locali e del socio-sanitario. 

Molta attenzione, è stata posta, a quanto affermato dal segretario Marcello Borghetti nel Suo intervento, quando ha messo sotto la lente di ingrandimento il sotto finanziamento del SSN per via dei tagli subiti dalla sanità pubblica negli ultimi 20 anni. Una situazione che è la prima causa della cronica e strutturale carenza di personale all’interno dei nostri ospedali. Una situazione che il consiglio teme possa essere l’anticamera della privatizzazione della sanità pubblica, bene prioritario e di eccellenza della Regione Emilia Romagna. E’ stata poi ribadita la necessità di una “idea di Società” diversa che rimetta al centro le persone e il loro valore. Per tali motivi è stata rilanciata la necessità di lavorare per  riaffermare una nuova idea di Paese in cui vi sia una equa redistribuzione della ricchezza. Il Consiglio ha messo al centro del dibattito anche la necessità di richiamare l’attenzione della politica sul tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, tema peraltro affrontato nell’iniziativa tenutasi a Roma in Piazza del Popolo alla presenza del segretario generale della UIL Pierpaolo Bombardieri, dove sono state portate 1040 bare per commemorare i lavoratori che a fine giornate non sono tornati a casa. Infine, tutti i delegati hanno richiesto attenzione ad una maggiore qualificazione professionale e notevole miglioramento da garantire alle retribuzioni e alle tutele dei dipendenti della sanità privata e delle cooperative sociali. Nella qualificazione professionale, nell’incremento delle retribuzioni di tutti i lavoratori del settore pubblico e del privato sociale e nell’apertura di un confronto con tutti i soggetti istituzionali, la UIL FPL ha individuato i propri obbiettivi per i prossimi quattro anni. Infine, il Consiglio, prima di sciogliersi, ha ribadito la necessità di un rinnovo del contratto nazionale di lavoro per i dipendenti della sanità e delle autonomie locali che riconosca loro il giusto valore, dimostrato in questi durissimi anni di penalizzazioni e discriminazioni.

Questo post è stato letto 159 volte

Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli.