Tranquilla, vivibile: Ravenna e gli studenti

Cosa ne pensa Stefano, studente di Cooperazione Internazionale e Tutela dei Diritti Umani, di Ravenna? Scopritelo in questo secondo appuntamento della nostra rubrica settimanale.

In questo secondo appuntamento della rubrica Vivo Romagna, abbiamo intervistato Stefano, studente che ha vissuto Ravenna. Continua il nostro viaggio alla scoperta della Romagna.

 

Stefano De Biasi. Foto dal suo profilo Facebook.

Ciao! Come ti chiami?

Stefano De Biasi.

Di dove sei?

Sono di Vittorio Veneto.

Che cosa studi?

Studio Cooperazione Internazionale e Tutela dei Diritti Umani a Ravenna.

Da quanto tempo vivi a Ravenna?

Ho vissuto a Ravenna per un anno e due mesi, poi ho deciso di continuare il percorso come studente non frequentante ritornando a vivere a Padova.

Perché sei andato via da Ravenna?

Dovevo coltivare anche il lato pratico del mio campo di specializzazione, oltre che a quello teorico, e Ravenna non mi permetteva di farlo.

Perché avevi scelto Ravenna?

Perché era una facoltà che mi piaceva, con una qualità di insegnamento buona e relativamente vicina a casa.

Ci descriveresti la tua giornata tipo di quando vivevi a Ravenna?

Sveglia, biblioteca, pranzo, biblioteca e poi palestra.

E nei weekend?

Mi piaceva passare il tempo nei parchi e la sera passeggiare per il centro.

Cosa ti piace di Ravenna?

La vicinanza col mare.

Cosa vorresti forse diverso?

La vita notturna.

Descrivici Ravenna in tre parole.

Noiosa, tranquilla, vivibile.

Grazie mille per il tuo tempo Stefano.

Grazie a voi!

Questo post è stato letto 89 volte

Avatar photo

Eureka

Massimo Romano, Angelo D’Angelo, Andrea Casalis, Luca Corraini e Giulia Monaco vengono rispettivamente da Palermo, Vasto (CH), Padova, Bologna e Eboli (SA). Sono cinque studenti iscritti al corso di laurea magistrale in Mass Media e Politica dell’Alma Mater, Università di Bologna, Campus di Forlì. Tutti e cinque appassionati di cinema, fotografia e serie televisive, nel 2015 si trasferiscono a Forlì per approfondire gli interessanti mondi della comunicazione politica, del marketing elettorale e del social media management. Questo il motivo per cui, nel 2017, colgono immediatamente l’opportunità di mettersi in gioco per realizzare una startup dentro al progetto Coopstartup Romagna e raccontare il mondo cooperativo. 

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *