Elettromeccanica Angelini, premi e gratifiche per uno straordinario 2022, merito di tutto il team

Il 2022 volge al termine ed è tempo di bilanci che non riguardano unicamente la sfera del business economico, ma abbracciano più in generale tutti gli aspetti di sviluppo e consolidamento di ogni impresa.

Per Elettromeccanica Angelini quest’anno è stato indubbiamente speciale per più motivi: in primo luogo sono stati celebrati i 60 anni di fondazione con un evento svoltosi lo scorso 12 novembre presso la ex- Chiesa di San Giacomo di Forlì, durante al quale si sono stretti attorno all’azienda e ad Alberto e Mattia Angelini le autorità locali, i clienti e tutti i dipendenti del gruppo.

“E’ stato bellissimo festeggiare questa importante ricorrenza – afferma Alberto Angelini, titolare di Elettromeccanica Angelini – e ripercorrere le tappe salienti della nostra storia, iniziata nel 1962 grazie a mio padre Ulisse e successivamente sviluppata da me e da mio figlio Mattia. E’ poi stato molto gratificante ricordare le tappe della nostra crescita insieme alle autorità del nostro territorio, a tantissimi clienti con i quali si è creato un legame di fiducia e una partnership veramente solida e ovviamente con tutta la nostra squadra di dipendenti, che sono la spina dorsale della nostra azienda e che ogni giorno rappresentano una risorsa fondamentale per il consolidamento della nostra attività”.

Ma il 2022 non ha rappresentato per Elettromeccanica Angelini unicamente la celebrazione del 60°, ma è stato l’anno contrassegnato da uno sviluppo complessivo veramente rilevante. Alcuni numeri ne sono la chiara testimonianza: il team ha superato le 60 unità, la sede aziendale è stata più che raddoppiata con l’acquisizione di un nuovo capannone adiacente a quello esistente in via dell’Artigiano a Forlimpopoli (complessivamente 1.500 mq coperti e 3.500 scoperti) e il fatturato stimato, ma oramai quasi definitivo, supera i 10 milioni di euro, rispetto ai 7 del 2021 (con un incremento superiore al 40%). Dati che confermano la capacità di Elettromeccanica Angelini di porsi sul mercato dell’impiantistica elettrica, termoidraulica e dell’efficienza energetica, con criteri di spiccata specializzazione che si trasformano in progetti con una chiara connotazione di innovazione tecnologica.

“I risultati di prestigio che abbiamo raggiunto – conclude Mattia Angelini, direttore tecnico dell’azienda – sono il frutto di un ottimo lavoro di squadra, nel quale tutto ha valore: dalla capacità imprenditoriale della dirigenza alla professionalità dei tecnici, fino all’entusiasmo e all’impegno di ogni singolo addetto: per questo abbiamo deciso di premiare con un premio di produzione i dipendenti, quale riconoscimento a ciascuno di loro per la passione che ogni giorno mettono nel proprio lavoro e come sostegno per l’attuale momento di difficoltà. Siamo cresciuti tanto in quest’ultimo anno, ma non vogliamo assolutamente perdere quello spirito di grande famiglia, che da sempre ci contraddistingue e che rimane la condizione principale del nostro successo”.

Questo post è stato letto 102 volte

Avatar photo

Gigi Mattarelli

Gigi Mattarelli è legale rappresentante dell'agenzia di pubblicità Grafikamente, oltre che giornalista pubblicista da circa 30 anni, con una predilezione spiccata per la comunicazione sociale. E' direttore responsabile della rivista "Percorsi Solidali" edita dalla stessa Grafikamente, che da quasi 10 anni racconta storie di volontariato, cooperazione e associazionismo locale. Nel tempo libero dà sfogo alle sue grandi passioni, ovvero la bicicletta, il tifo per l'Inter e la venerazione per un gruppo musicale "cult" italiano, i Nomadi. E' autore dei volumi "C'era un volta un re bisre, bisconte, binè..." che ricorda la figura di don Amedeo Pasini, "Forlì&dintorni su due ruote" (ovvero 20 percorsi in biciletta alla scoperta della Romagna). "Il ruggito del Leone" (dialoghi con Romano Baccarini), "Un sorriso contagioso" (che racconta la storia di Luca Berardi, atleta forlivese campione di nuoto e sci nordico) e "Innamorata di Dio. Bendetta Bianchi Porro raccontata ai ragazzi". 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *