Marisa Zattini alla Pallavicini22

RAVENNA. Sabato 11 maggio alle ore 18.30 presso lo spazio espositivo Pallavicini22 Art Gallery in viale Giorgio Pallavicini 22 , si inaugura la personale di Marisa Zattini “Anatomie Notturne”, a cura di Roberto Pagnani.

Il catalogo della mostra riporta i testi critici di Andrea Pompili e Roberto Pagnani con una nota dell’artista in margine all’opera e un omaggio a Janus. L’inaugurazione sarà accompagnata da interventi musicali di Daniele Brancaleoni, docente di Violino presso il Conservatorio G.Rossini di Pesaro.

La mostra rimarrà allestita fino a domenica 26 maggio e sarà aperta al pubblico dal martedì al sabato feriali dalle 16 alle 19. Finissage domenica 26 maggio dalle 18 alle 20. Ingresso libero.

“Anatomie notturne” è un racconto delle metamorfosi e delle trasformazioni che la vita, in un mondo silente e misterioso, opera nelle varie dimensioni del cosmo. In questa mostra Marisa Zattini presenta una serie di lavori realizzati in varie tecniche e supporti (lastre di alluminio luci- date a specchio, fogli in pvc, interventi a china su lettere antiche e tanto altro). L’artista stessa è un’alchimista, una maga, una scienziata che prende appunti su fogli antichi disegnando insetti, bachi, creature normalmente quasi invisibili, per dar loro vita e per riportarle alla vista di noi esseri umani.

Ogni opera è innanzitutto scrittura e testo da vedere e decifrare. Il trittico de “Il mio cuore messo a nudo” ne è una riconferma. Opere come segnali di orientamento e serbatoi di misurazione di senso. Gli organi umani – in questo caso il “cuore” – divengono alfabeti ideografici e anamorfosi archetipali. Le forme cambiano, le linee si dilatano e l’impressione retinica si modifica ma l’essenza resta immutata. In questo serissimo gioco di ombre luminose gli orizzonti immaginativi si espandono come costellazioni celesti per nuovi magnetismi universali, là dove realtà psicologiche e anatomiche dell’umano differentemente fioriscono, si incontrano – o si scontrano – con reinvenzioni inaspettate e sottili.

Questo post è stato letto 170 volte

Commenti Facebook