Lattuca, ora serve coraggio

Inizia il lavoro per il bilancio. Nonostante le difficoltà non potrà essere conservativo

Questo è il periodo in cui si entra nel vivo sul bilancio. L’operazione è avviata da tempo. In luglio partono le richieste ai settori che, di solito, caricano di tutto e di più sapendo che poi ci sarà la sforbiciata. Se ne occupa la giunta che parte in settembre con le verifiche. Per chiudere, poi, a inizio ottobre, al massimo.

Quello in fase di elaborazione sarà una manovra difficile da chiudere. Se non ci fosse stato l’intervento del governo il 2020 si sarebbe chiuso con un deficit di circa  cinque milioni di euro. Il passivo era arrivato a sette poi diminuito grazie anche all’utilizzo degli avanzi.

Lattuca e Acerbi

Al momento è difficile ipotizzare di quanto potrebbe essere il passivo nel 2021. Però è difficile pensare che ci possa essere un ulteriore intervento dello Stato per appianare il deficit. Quindi si può supporre  che per Acerbi, assessore al Bilancio, siano già cominciate le sofferenze.

L’ipotesi del bilancio risicato è da scartare. Buon per Cesena che arrivasse da una situazione solida e che lo scorso anno si siano evitati voli pindarici al contrario di altri Comuni vicini che hanno scelto di far ricorso all’indebitamento per presentarsi nel modo migliore. Ora, quei Comuni, avranno minori margini di manovra, mentre Cesena potrebbe far ricorso all’aumento dell’indebitamento. 

Camillo Acerbi

Ma Lattuca e Acerbi potrebbero andare oltre facendo una manovra triennale. Di solito il bilancio pluriennale è previsto per il  piano degli investimenti. In questo caso si potrebbe andare oltre e impostare un’operazione a lungo termine anche per il bilancio ordinario. Sarebbe una sorta di Def comunale, soluzione coraggiosa e per nulla facile. Ma darebbe un segnale forte dal punto di vista della programmazione. Del resto siamo di fronte ad un periodo eccezionale che può essere affrontato solo con interventi lungimiranti. In questo modo  gli eventi si potrebbero governare anziché subirli.

Nello stesso tempo è chiaro che si tratterebbe di ipotecare buona parte della legislatura. Lattuca, però, nel tradizionale appuntamento al festival de L’Unità, ha detto che, dopo aver perso tempo a causa del Covid, è arrivato il momento della progettazione. Quindi sia coraggioso fino alla fine ed eviti di restare in mezzo al guado.

Questo post è stato letto 64 volte

Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *