Gli incontri culturali di Palazzo Talenti Framonti: a Forlì l’Associazionismo ha un valore migliorativo

Palazzo Talenti Framonti, Forlì

Palazzo Talenti Framonti, Forlì

Da Aprile a Ottobre 2013, salotti e performance musicali, spettacoli e laboratori teatrali dedicati a bambini e non animeranno pomeriggi e serate al chiostro di palazzo Talenti Framonti.
Sabato 20 Aprile alle ore 21, lo spettacolo di Simone Cristicchi aprirà una lunga serie di eventi culturali, che hanno come comune denominatore l’obiettivo di ‘migliorare la qualità dello stare insieme e sviluppare un approccio riflessivo che animi la modernità dei forlivesi’. Queste le parole del Presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì Piergiuseppe Dolcini, intervenuto lunedì 15 Aprile alla conferenza stampa convocata per presentare i vari appuntamenti che avranno luogo nei prossimi mesi.
La Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì ha selezionato sei associazioni, le quali hanno creato un calendario condiviso di 24 eventi. Si tratta di un progetto che vuole contribuire alla rivalutazione del centro storico, che con ottimismo offre uno spaccato dell’alta qualità dell’associazionismo locale e che, attraverso la speranza di una vasta partecipazione, punta ancora una volta sul carattere non elitario della cultura. Parafrasando Dolcini, gli eventi in programma non hanno un target specifico, anzi, vogliono coinvolgere bambini, genitori, amanti del teatro e di diversi generi musicali.
Il 25 aprile l’associazione Big Ben con Strade Blu porterà a palazzo Talenti l’australiano Hugo Race, eclettico polistrumentista, cantautore e prolifico artista che esordì a fianco di Nick Cave and the Bad Seeds, e che ora invece è coinvolto nel progetto Hugo Race Fatalists.

Hugo Race

Hugo Race

Già dall’anno scorso Strade Blu ha proposto un format vincente che si libera della tradizionale catalogazione performativa; il salotto musicale non è solo un concerto, ma anche narrazione, storytelling e collegamento radio, dal momento che ogni serata verrà animata da Enrico Bertaccini. Il dj forlivese proporrà sul palco discussioni e dialoghi che, ripresi in diretta, saranno poi scaricabili via web-radio.
Il classico concerto non piace più nemmeno all’associazione Area Sismica; il sassofonista Michele Selva si esibirà infatti in una performance che è anche conversazione. Area Sismica è il nuovo soggetto all’interno delle Associazioni che partecipano agli appuntamenti del chiostro e si augura che questo possa essere solo l’inizio di un’interessante collaborazione.
Altri sono gli eventi, altre le associazioni; ammirevole l’impegno di Rosaspina.Un teatro che ha in programma una lunga serie di incontri teatrali dedicati ai ragazzi. Il pubblico non sarà solo passivo ascoltatore, ma diventerà attivo protagonista di un workshop di due giorni, in cui la compagnia Gli Alcuni organizzerà un ‘laboratorio di costruzione di un cartone animato sul tema della multiculturalità’.
Il Naima lavorerà insieme a Samarcanda per presentare eventi musicali ispirati al tema del ventennio, in linea con la mostra al San Domenico sul Novecento tra le due guerre e declinando così in musica gli annosi temi di consenso e censura.
Per citare tutte le sei Associazioni coinvolte, manca Gli Amici di Sadurano che, soddisfatta della passata esperienza positiva, proporrà due serate sui temi della musica klezmer e della Cuccagna, ovvero l’arte di mangiare bene.

The Blue Dolls presentate dal Naima Club e Samarcanda

The Blue Dolls presentate dal Naima Club e Samarcanda

Quest’anno, come ricorda il dott. Passerini, si è voluto dare un respiro settimanale agli incontri, in modo che ‘ogni giovedì si possa andare in piazza ed essere sicuri di essere coinvolti in manifestazioni culturali e di aggregazione sociale’.

Questo post è stato letto 122 volte

Avatar photo

Elena Dolcini

Sono nata a Forlì 31 anni fa; dopo la laurea ho viaggiato molto, una passione che continuo a coltivare. Mi interesso di filosofia e arte, due argomenti di cui mi piace parlare, discutere e scrivere. Dedico questo blog a temi che possano attivare un dibattito, nella speranza di creare un ponte tra un pubblico locale e uno più vasto. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *