Dusciana Bravura, al via la mostra a Palazzo Rasponi

RAVENNA. Da domenica 16 giugno a domenica 21 luglio gli spazi di palazzo Rasponi dalle Teste ospiteranno l’esposizione Dusciana Bravura: le metamorfosi degli oggetti e delle immagini, anteprima della IX Biennale del Mosaico contemporaneo che si aprirà nell’autunno 2025.

La mostra, curata da Linda Kniffitz e Paolo Trioschi, verrà inaugurata sabato 15 giugno alle 18. La rassegna è strutturata nelle  sei sale al primo piano dello storico palazzo di piazza Kennedy  con una selezione di opere che illustrano sinteticamente il trentennale percorso dell’artista: una prima sala dedicata ai  ritratti e alle creature zoomorfe dalla pelle sontuosa in microtessere di mosaico; lavori compositi  come “Unicorno” già presente nella Collezione di mosaici contemporanei del Mar – Museo d’Arte della città di Ravenna, immagine guida dell’esposizione, che pur nella costituente ricchezza di smalti e murrine riflesse nello specchio veneziano, non riesce a eludere la sua natura di trofeo, di animale estinto.

Altre sale centrali saranno dedicate a grandi opere: organismi unicellulari con esplosioni di colore di lunghe tessere filanti, pannelli dipinti e mosaicati, a formare un immaginario catalogo di forme archetipiche seriali; oppure dirette metamorfosi che investono di significato gli oggetti di uso comune, vasi e contenitori, tutti rigorosamente in vetro o cristallo ma recuperati in chiave pop, accanto ad elementi in cui l’artista manipola distinte creazioni grafiche su stoffa. Nella sala video, una inedita narrazione visiva condotta da Dusciana e introdotta dal racconto dell’opera Alchhemy conduce  nel percorso antologico di questi sorprendenti anni  di attività dell’artista.

Infine, l’ultima sala sarà dedicata ad un’opera “site specific”: un grande uccello dal piumaggio ricco di microtessere colorate, uno degli abbaglianti animali artificiali di Dusciana, che si confronta con immagini di veri uccelli esotici e pattern grafici su stoffa su cui l’artista interviene come generatrice di nuovi significati.

La mostra sarà visitabile con ingresso gratuito ogni giorno feriale, dal martedì al venerdì dalle 17 alle 20; sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 20; chiuso il lunedì.

Questo post è stato letto 131 volte

Commenti Facebook