19 febbraio 2020: presentazione del volume “Romagna in trasformazione”

Gigi Mattarelli (editore), Giovanni Tassani (curatore) e Giovanni Mami (editore)

Si svolgerà mercoledì 19 febbraio alle ore 20,45 l’evento di presentazione del volume “Romagna in trasformazione. 1919-1932, Forlì e il forlivese dal dopoguerra al regime”, edito da Grafikamente e coordinato dallo storico Giovanni Tassani, coadiuvato da 18 autori locali.

Il libro intende proseguire il percorso avviato qualche anno fa con la pubblicazione di “Primo Novecento e Grande Guerra. Il laboratorio forlivese”, un’opera molto apprezzata e circolata nelle scuole, nelle associazioni e tra molti lettori interessati alla storia del territorio. Questo secondo volume, quindi, intende esaminare le conseguenze della Grande Guerra e la risposta, quella fascista, che si rivelò alla fine, vincente come affermazione di un ordine autoritario destinato a durare.

“Il libro – afferma il curatore Giovanni Tassani – non vuole rispondere ai tanti temi che impegnano da decenni la storiografia sul periodo fascista, ma si limita a metter a fuoco una parte della realtà romagnola, per indicare vie di approfondimento per chi sa che, senza conoscenza del passato, non vi è possibilità di sviluppo futuro. Un’opera come questa deve far vedere un paesaggio, descrivendolo senza forzature, lasciando a chi legge lo sguardo per interpretare liberamente ciò che si va indicando. Descrivere un periodo storico come la trasformazione della Romagna durante il periodo fascista non è compito facile, non essendo quel regime un tema neutro, stante la sua evoluzione e il tragico finale cui ha condotto la nazione. Il compito in questo caso era diverso: cercar di penetrare nei fatti, nei luoghi e nei personaggi per capire lo spirito dell’epoca e il coinvolgimento che avvolse più generazioni italiane”.

Questa pubblicazione presenta scorci di vita illustrati attraverso immagini fotografiche raccolte negli anni da cittadini come da pubbliche istituzioni, tra cui un dossier che può essere definito il forziere dell’immagine della città nel Novecento: l’archivio fotografico di Edgardo Zoli, recentemente ceduto al Comune di Forlì, del quale il volume anticipa la straordinaria ricchezza. Un altro dossier riguarda l’evoluzione e le contrapposizioni politiche a Forlì attraverso i manifesti conservati nelle Carte Romagna delle Collezioni Piancastelli.

I vari saggi che si susseguono nella pubblicazione spaziano dalle vicende politico/amministrative a quelle economiche/agricole fino al ruolo della Chiesa, specie nel rapporto con il regime. Non mancano approfondimenti sull’architettura e l’urbanistica, sulle espressioni culturali e artistiche, sullo sport e sulla stampa locale e diversi profili di personaggi che hanno fatto la storia del periodo preso in esame: il tutto è completato da oltre 400 immagini molte delle quali inedite.

Il gruppo degli autori, coordinati da Tassani, è composto da Paola Mettica, Mario Proli, Marino Mambelli, Fabrizio Monti, Umberto Pasqui, Antonio Castronuovo, Maurizio Tassani, Daniela Ponti, Flavia Bugani, Roberta Paganelli, Sergio Spada, Nicolangelo Scianna, Francesco Gioiello, Domenico Guzzo, Giancarlo Gatta, Elio Caruso, Ernesto Toschi e Gigi Mattarelli.

All’evento di presentazione, oltre all’editore Gigi Mattarelli, al curatore Giovanni Tassani, interverranno gli autori dei saggi, il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini e i rappresentanti delle organizzazioni che hanno sostenuto la pubblicazione del volume (Associazione Roberto Ruffilli, BCC Credito Cooperativo e Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì).

Questo post è stato letto 91 volte

Avatar photo

Gigi Mattarelli

Gigi Mattarelli è legale rappresentante dell'agenzia di pubblicità Grafikamente, oltre che giornalista pubblicista da circa 30 anni, con una predilezione spiccata per la comunicazione sociale. E' direttore responsabile della rivista "Percorsi Solidali" edita dalla stessa Grafikamente, che da quasi 10 anni racconta storie di volontariato, cooperazione e associazionismo locale. Nel tempo libero dà sfogo alle sue grandi passioni, ovvero la bicicletta, il tifo per l'Inter e la venerazione per un gruppo musicale "cult" italiano, i Nomadi. E' autore dei volumi "C'era un volta un re bisre, bisconte, binè..." che ricorda la figura di don Amedeo Pasini, "Forlì&dintorni su due ruote" (ovvero 20 percorsi in biciletta alla scoperta della Romagna). "Il ruggito del Leone" (dialoghi con Romano Baccarini), "Un sorriso contagioso" (che racconta la storia di Luca Berardi, atleta forlivese campione di nuoto e sci nordico) e "Innamorata di Dio. Bendetta Bianchi Porro raccontata ai ragazzi". 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *