A Vinitaly prova del 9 per il Sangiovese di Mercato Saraceno

Vitigno versatile e dotato di buoina acidità

Assoluta qualità e grande versatilità: sono i due tratti distintivi del Sangiovese di Mercato Saraceno su cui Tenuta Casali punterà per conquistare nuovi mercati in occasione dell’edizione 2024 di Vinitaly. Al Salone internazionale di Verona, in programma dal 14 al 17 aprile, la cantina mercatese presenterà a buyer internazionali e operatori di settore le nove versioni del vino più rappresentativo della Romagna prodotte in uno dei terroir più interessanti della regione, sempre più apprezzato da wine lover ed enoturisti.

Accanto ai vini di punta come Vigna Quartosole, riserva pluripremiata dalle guide di settore, o Vigna Baruccia, Sangiovese che riporta in etichetta la sottozona “Mercato Saraceno” individuata tra le aree di eccellenza di produzione di questo vino in Romagna, la cantina della Valle del Savio proporrà in degustazione anche lo spumante Villa Zappi Metodo Classico, raffinata bollicina affinata trenta mesi all’interno della cantina sotterranea aziendale. La produzione spumantistica a base Sangiovese di Tenuta Casali sarà rappresentata anche dai Metodo Martinotti brut e rosé della linea Villa Zappi e dalla prestigiosa versione “sottomarina” a edizione limitata Ondina33, che riposa per un anno al largo dell’Adriatico a cinquanta metri di profondità, custodita all’interno delle stive di un relitto sommerso. A completare la prova del nove del Sangiovese di Mercato Saraceno saranno Vigna Palazzina e Bassamarea, due interpretazioni che esaltano i sapori più croccanti del vitigno, accanto a Petalo di Rosa, un rosato dai profumi freschi e floreali.

“Il Sangiovese è un vitigno estremamente versatile e dotato di buona acidità – spiegano i titolari di Tenuta Casali – che ha nell’eleganza e nella bevibilità due tratti distintivi. Le nostre colline, in particolare, ci offrono grappoli di assoluta qualità che nel corso degli anni abbiamo imparato a valorizzare partendo dalle caratteristiche dei diversi vigneti per dar vita a vini rappresentativi del territorio e in linea con il gusto di appassionati sempre più attenti e preparati”.

A caratterizzare lo stile enologico di Mercato Saraceno sono i vigneti di collina posti su antichi terrazzamenti fluviali scavati nel corso dei millenni dal Savio: la vicinanza dei boschi, una forte escursione termica diurna e stagionale e i diversi strati di ghiaia che si mescolano ad argille e calcare a diverse altitudini regalano in questa zona vini fragranti, di ottima freschezza e presenza tannica, dalla spiccata impronta territoriale.

Questo post è stato letto 221 volte

Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *