Aperte le iscrizioni ai Summer Camp Ragazze digitali 2024

A seguito del bando della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con Art-ER su fondi FSE, Ser.In.Ar. ha ottenuto il finanziamento per realizzare i 5 Summer Camp “Ragazze digitali” presso i Campus universitari di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini, che si svolgeranno dal 2 al 13 settembre 2024 per un totale di 50 ore, in collaborazione con il Dipartimento di Informatica – Scienza e Ingegneria dell’Università di Bologna.

“L’iniziativa – spiega la prof.ssa Antonella Carbonaro, coordinatrice del progetto (nella foto) – è rivolta a ragazze di III e IV Superiore, è totalmente gratuita e si pone l’obiettivo di offrire un primo assaggio al complesso mondo delle discipline informatiche, anche in riferimento ai nuovi orizzonti introdotti dall’Intelligenza Artificiale. A questo proposito cercheremo di approfondire come gli algoritmi possano essere utilizzati a supporto di funzioni svolte abitualmente dall’uomo, in vari ambiti, dalla pubblica amministrazione, alla sanità fino alle tante applicazioni in ambito industriale. La partecipazione non richiede competenze pregresse nel settore. Gestiranno i vari Summer Camp giovani docenti dinamici e motivati (due per ogni Campus), che proporranno un approccio progettuale, collaborativo e attivo in un clima stimolante e divertente” volto allo sviluppo di elementi di Intelligenza Artificiale.

E’ possibile iscriversi ai Summer Camp Ragazze Digitali (LINK) fino al 12 giugno 2024 (17 giugno per il solo Camp 2 a Cesena)

Questo post è stato letto 135 volte

Commenti Facebook
Avatar photo

Gigi Mattarelli

Gigi Mattarelli è legale rappresentante dell'agenzia di pubblicità Grafikamente, oltre che giornalista pubblicista da circa 30 anni, con una predilezione spiccata per la comunicazione sociale. E' direttore responsabile della rivista "Percorsi Solidali" edita dalla stessa Grafikamente, che da quasi 10 anni racconta storie di volontariato, cooperazione e associazionismo locale. Nel tempo libero dà sfogo alle sue grandi passioni, ovvero la bicicletta, il tifo per l'Inter e la venerazione per un gruppo musicale "cult" italiano, i Nomadi. E' autore dei volumi "C'era un volta un re bisre, bisconte, binè..." che ricorda la figura di don Amedeo Pasini, "Forlì&dintorni su due ruote" (ovvero 20 percorsi in biciletta alla scoperta della Romagna). "Il ruggito del Leone" (dialoghi con Romano Baccarini), "Un sorriso contagioso" (che racconta la storia di Luca Berardi, atleta forlivese campione di nuoto e sci nordico) e "Innamorata di Dio. Bendetta Bianchi Porro raccontata ai ragazzi".