Stefano Bonazzi a LiberaMente

RAVENNA. Giovedì 19 ottobre alle 17.30 presso la libreria Liberamente, in viale Alberti, Stefano Bonazzi presenterà il suo ultimo romanzo, “Titanio”, pubblicato da Alessandro Polidoro editore.

Per l’occasione l’autore dialogherà con Vania Rivalta.

Titanio. Un uomo si sveglia paralizzato nel letto di una stanza che non riconosce: ha il corpo pieno di ustioni. Ogni giorno una donna dai tratti inquietanti entra nella stanza per medicarlo e nutrirlo. Fran, tredicenne brillante e intuitivo, viene interrogato per un crimine di cui si è reso protagonista: entriamo così nella Ciambella, un quartiere residenziale in degrado occupato abusivamente da tossici, clandestini di ogni sorta e gente ridotta al lastrico. Qui Fran vive con la sua ambigua famiglia, coltivando e vendendo erba. L’unica persona con la quale sembra condividere una forma di normalità è Stella, una coetanea grazie alla quale ha intravisto la possibilità di un altro modo di vivere, al di fuori di quel contesto marcescente.Alla ricerca del legame tra questi personaggi e le loro sorti, Titanio conduce il lettore nelle viscere delle pulsioni e dei sogni dell’adolescenza, in una mappa metaforica dove il contesto urbano cela la più gretta animalità e la natura si rivela sotto forma di un misticismo inquietante.

L’autore
Stefano Bonazzi è nato a Ferrara, dove vive e lavora. Di professione grafico pubblicitario, realizza composizioni e fotografie ispirate al mondo dell’arte surrealista. A bocca chiusa è il suo romanzo d’esordio, uscito nel 2014 e ristampato per Fernandel. Nel 2017 ha pubblicato il secondo romanzo L’abbandonatrice. I racconti Forse abbiamo esagerato, Niente Coma e Chi urla più forte sono stati selezionati tra i finalisti del premio «NebbiaGialla» a cura di Paolo Roversi nel 2015, 2016 e 2017. È presente in numerose antologie, tra cui Gli Stonati (NEO edizioni). Collabora con le testate Il Loggione Letterario e Satisfiction.

Questo post è stato letto 138 volte