Come far rivivere un teatro

A Catanzaro doveva diventare un teatro, ora fa il tutto esaurito

di Vincenzo Marano

CATANZARO.  II Cine-teatro Comunale del centro storico di Catanzaro è ritornato a vivere grazie all’associazione ”Teatro incanto”. La passione di alcuni allievi dell’attore e commediografo dialettale, Nino Gemelli, alla  fine degli anni novanta, coinvolse decine di giovani catanzaresi, nel rinnovo della tradizione del teatro calabrese.

 Nel corso degli anni, il gruppo cresce e diventa un punto di riferimento della città, per una proposta culturale nata dal basso. Il vecchio teatro comunale, come tutte le altre sale cinematografiche di mezza Europa,  viene attraversato dalla crisi del settore.

Il teatro fu voluto dalla famiglia Proto, alla fine degli anni cinquanta.  Calcarono le tavole del palcoscenico attori del prestigio di Vittorio Gassman, i fratelli De filippo, Troisi, Dario Fo , Giorgio Gaber etcc. “Nel 2016, la nostra associazione ‘Teatro Incanto’ subentra nella gestione – racconta Francesco Passafaro, direttore artistico e regista -. Grazie alla nostra esperienza di compagnia teatrale, abbiamo curato il recupero del teatro con la partecipazione corale di tutti i nostri soci. Questo nuovo progetto nasce insieme alla famiglia Proto, proprietaria dell’immobile”, sottolinea Passafaro. La tenacia di Franco Proto, unita alla nostra associazione, ha portato alla salvaguardia della sala. Il teatro è stato sottratto ad un’eventuale riconversione a supermercato e rispettata l’idea del padre Andrea Proto.

 Il “Comunale” è diventato uno spazio aperto a tutti i cittadini e alle compagnie che vogliono esibirsi. 

Il teatro  di circa 450 posti  è munito di un grande  palcoscenico che può ospitare anche allestimenti di grandi compagnie.  All’inaugurazione ci fu la presenza del regista catanzarese, Gianni Amelio (presentò in anteprima “La tenerezza”) a sottolineare l’importanza del cine-teatro nella città. Con la nuova gestione, si sono esibiti, tra gli altri, Monica Guerritore, Flavio Bucci, Cochi Ponzoni, Paola Quattrini e Ambra Angiolini. 

 “Nei giorni scorsi, con la nostra compagnia – afferma il direttore artistico, Passafaro -abbiamo presentato: il Musical, ”Mery Poppins” registrando il tutto esaurito per le due repliche. C’è voglia di mettersi in gioco. Nei primi mesi del   2022, sono state coinvolte oltre 5000 persone tra corsi, spettacoli e incontri”. 

Il sogno del “teatro incanto” continua, per tutta l’estate, con la realizzazione di un campus per i bambini della città e l’attività di arena-cinema, nel centro storico.


Questo post è stato letto 166 volte

Commenti Facebook
Avatar photo

Davide Buratti

Davide Buratti, giornalista professionista, fondatore della Cooperativa Editoriale Giornali Associati che pubblica il Corriere Romagna, di cui dal 1994 e per 20 anni è stato responsabile della redazione di Cesena. Oggi in pensione scrive di politica, economia e attualità a 360 gradi nel suo blog per Romagna Post. Per contatti utilizzate il box commenti sotto gli articoli.